Affidate a Twitter le sensazioni di alcuni dei Candidati 2015 in vista delle ordinazioni presbiterali

I Candidati 2015 hanno affidato a un tweet le loro sensazioni in vista delle ordinazioni presbiterali del 13 giugno. Le loro brevi frasi contrassegnate da un hashtag sono rilanciate nei retweet degli amici.

Don Giuseppe Cadonà: Per me diventare prete è percepire lo sguardo del Signore che sempre mi accompagna e mi chiede di donare agli altri gli infiniti doni del suo amore. #perGesù
Elisa: Vederlo prete mi fa percepire come sia fiorita la libertà della sua scelta e come sia cresciuto il suo rapporto con il Signore. #perGesù

Don Marco Albertoni: Diventare prete è per me dire “sì” ad un amore più grande che mi precede, l’amore di Dio in Gesù, per essere segno nella Chiesa e nel mondo, della sua misericordia. #ilDono
Sandro: Avere un amico che diventa prete, oltre che essere una sorpresa all’inizio, è un grande dono che mi fa pensare che Gesù ci è proprio vicino e che scrive nelle nostre vite! #ilDono

Don Gabriele Catelli: Per me diventare prete è sapere che “è Dio che fa” e abbandonarmi alla sua fedeltà e misericordia! #mifido
Giorgio: Cosa è per gli amici: ringraziare Dio perché non fa mancare alla Chiesa pastori fedeli e misericordiosi che guidano alla vera vita! #mifido

Don Gregorio Simonelli: Per me diventare prete è mettersi in cammino per fare proprio il rischio dell’amore misericordioso del Signore, nella certezza che egli ha cura di noi. #coraggio
Eleonora: Intraprendere questo cammino non è da tutti! Il coraggio di don Greg mi è d’esempio ogni giorno e non potrei essere più fiera di lui! #coraggio

Don Stefano Felici: Per me diventare prete è accettare di costruire con Gesù e per Gesù la mia vita e la mia felicità. #scegliGesù
Paolo: Vedere un amico che diventa prete mi mostra come il Signore sceglie ciascuno di noi per i suoi grandi progetti, e lo fa davvero bene! #scegliGesù

Don Andrea Arrigoni: Diventare prete per me è dire il “sì” di una vita, per tutta la vita, a Chi per primo ha detto “sì” alla mia vita tante, tante, tante volte: non è qualcosa che viene solo da me, tuttavia è davvero per me e non si darà senza di me! #diresì
Silvia: Una testimonianza di speranza, di fiducia. Il suo “sì” ti fa dire che è possibile accogliere la chiamata di Dio nella propria vita, con tutto quello che si è: “basta” avere il coraggio di dire “sì”! #diresì

Don Alessandro Metre: Per me diventare prete è rispondere in modo sincero a una chiamata d’amore che è vera se vissuta nella gioia del cuore di Gesù. #chegioia
Lucia: La gioia del Signore si vede nei gesti e negli occhi di don Ale, e si capisce che scegliere il Signore rende felici. #chegioia

Don Gabriele Colombo: Per me diventare prete è testimoniare l’incontro che ha cambiato la mia vita e poter dire con gioia: il Signore è vivo ed è risorto. #testimonediVita
Alessandro: Vedere un amico che diventa prete è riconoscere in lui una gioia profonda che non può venire se non da una relazione vera e sincera. #testimonediVita

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi