Il Segretario della Cei illustra il programma della spedizione azzurra: «La Festa, trasmessa in diretta tv, prenderà le mosse dalla vita di Gesù». Attesi più di 7500 giovani, 40 vescovi e decine di sacerdoti

Agenzia Sir

Monsignor Mariano Crociata

«L’esperienza della Gmg è specchio di una Chiesa viva e giovane, al contrario di ciò che si pensa. I giovani più di altri hanno un senso vivo dell’incontro e dello stare insieme. Essere convocati e radunarsi è in profonda sintonia con la natura della Chiesa e dell’esperienza cristiana»: lo dichiara il segretario generale della Cei, monsignor Mariano Crociata, che a sei giorni dall’inizio della Gmg di Rio de Janeiro illustra i tratti distintivi della spedizione azzurra in Brasile, composta da più di 7500 giovani, da oltre 40 vescovi e da decine di sacerdoti.

«Il quartier generale degli italiani sarà come sempre Casa Italia – dice monsignor Crociata – dove gli italiani potranno trovare una porta sempre aperta per le loro esigenze. Inoltre, torna come momento di incontro e di spettacolo, ma anche di riflessione, la Festa degli italiani, trasmessa in diretta tv, che prenderà le mosse dalla vita di Gesù, con gli interrogativi che la sua persona suscita e le risposte che solo Lui sa dare».

«La speranza – conclude – è che questo evento sia seme per un cammino di riflessione che continui e vada oltre la Gmg di Rio. Un cammino che ponga al centro i giovani, tenga conto delle loro esigenze e li renda protagonisti».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi