Dedicato al teologo ambrosiano il convegno “Un pensiero al Concilio”, in programma a Venegono Inferiore. Relazioni di don Francesco Scanziani, don Marco Paleari e don Stefano Cucchetti

Monsignor Carlo Colombo

“Un pensiero al Concilio. Mons. Carlo Colombo: dal Seminario di Venegono al Vaticano II” è il tema del convegno in programma sabato 19 maggio, dalle 9.30, presso l’aula magna del Seminario arcivescovile di Venegono Inferiore (via Pio XI 32).

C’è un singolare intreccio di date e di ricorrenze che spiega il rinnovato interesse attorno a monsignor Carlo Colombo (1909-1991), figura di primo piano nella teologia di quella che il cardinale Scola ha chiamato la “scuola di Venegono”.

La preparazione all’Incontro mondiale delle Famiglie ritrova in monsignor Colombo un pioniere nello studio e nella proposizione della spiritualità coniugale e della pastorale familiare. Le celebrazioni che si terranno a Milano il prossimo anno per l’anniversario dell’Editto di Costantino (313 – 2013) rimetteranno a tema la questione, particolarmente urgente oggi, della libertà religiosa, tema su cui il pensiero del teologo di Venegono ha contribuito grandemente. Con l’indizione dell’anno della fede, il Santo Padre ha aperto la celebrazione del 50° anniversario del Concilio Vaticano II, del quale monsignor Colombo è stato nascosto, ma efficace protagonista al fianco di Paolo VI. Infine, proprio nell’anno in corso, ricade l’80° anniversario del Movimento Laureati dell’Azione Cattolica (di cui il Meic è diretto erede). Carlo Colombo ha contribuito fortemente alla nascita di questa associazione attraverso il contributo del suo pensiero alle Settimane di Camaldoli e la sua attività pastorale nel nostro territorio.

Tutti questi motivi hanno convinto a organizzare il convegno, che vedrà i contributi di tre professori della stessa Sezione Parallela della FacoltàTeologica. Don Francesco Scanziani, professore di antropologia teologica, concentrerà la propria attenzione sull’immagine di persona sottostante al pensiero del nostro Autore, a partire dallarecensione della sua attività di insegnante: facilmente emergeranno i legami e le originalità tra la teologia di Carlo Colombo e il contesto in cui si inserisce. Don Marco Paleari, professore di teologia sacramentaria, particolarmente attento ai temi della spiritualità familiare, porrà invece l’attenzione sul contributo – pratico e teorico – che Carlo Colombo ha dato al sorgere di una spiritualità coniugale. Infine don Stefano Cucchetti, professore di teologia morale, considererà le diverse tematiche sociali emerse lungo tutto l’arco della produzione teologica dell’Autore, con particolare attenzione ai temi – più che mai attuali – della giustizia sociale, della pace e della libertà religiosa.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi