Marta Magnani, già partecipante a «The Economy of Francesco», è una componente della Delegazione ambrosiana: «Sento urgente il bisogno di avviare nelle nostre città processi virtuosi in sintonia con l’“ecologia integrale” invocata dal Papa»

di Marta Magnani
Delegata di Ac Ambrosiana alle Settimane Sociali di Taranto e partecipante a The Economy of Francesco

marta-magnani Cropped
Marta Magnani

La 49a Settimana Sociale dei Cattolici Italiani è un appuntamento atteso da tutte le diocesi per parlare del rapporto tra ecologia ed economia, ambiente e lavoro, crisi ambientale e crisi sociale.

A distanza di sei anni dalla pubblicazione dell’enciclica Laudato Si’, è ancora urgente l’invito del Papa ad attuare, oltre che comprendere, quella che lui chiama «ecologia integrale». Davanti alle catastrofi ambientali e agli squilibri sociali, l’ecologia integrale è la chiave di lettura giusta per affrontare congiuntamente problemi di diversa natura, in quanto ha alla base la capacità di riconoscere il delicato legame tra Creato e uomini.

In questi anni centinaia di iniziative sono state promosse dalle diocesi per dimostrare che una visione integrale della realtà che ci circonda non solo è possibile, ma anche concretizzabile. Non a caso «#tuttoèconnesso» è il motto della Settimana sociale, nella quale si darà spazio sia a relazioni di esperti nei temi di sostenibilità e lavoro, ma anche alla condivisione di esperienze di vera ecologia integrale, a dimostrazione che la Chiesa è attenta al tempo che vive e che desidera continuare questo processo di “conversione” del proprio sguardo nella direzione indicata dal Papa.

Anche la Diocesi di Milano si è preparata per portare il proprio vissuto e, come me, centinaia di giovani avranno occasione di esporre il proprio punto di vista sui temi del lavoro, del futuro e dell’ecologia. Da Taranto tanti di noi si aspettano apertura al dialogo e al confronto, ma anche volontà di attuare quanto emergerà. In particolare, sono previsti quattro ambiti in cui poter portare il proprio contributo e, alla luce dei miei interessi, ho optato per mettermi in gioco nel tavolo «Sostenibilità e cittadinanza attiva nei territori». Grazie alla partecipazione in questi anni a The Economy of Francesco, ho compreso sempre più come coniugare gli studi in Economia con la visione integrale di Francesco e sento urgente il bisogno di avviare nelle nostre città processi virtuosi di sostenibilità e inclusione sociale. Le città, sempre più inquinate e internamente divise, dovrebbero diventare la palestra in cui iniziare ad allenare la visione integrale dell’essere umano e dell’ambiente, consentendo ai cittadini di creare un luogo sempre più abitabile per loro stessi e le future generazioni.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi