Sirio 22-29 febbraio 2024
Share

Volontariato

Al Coe due premi dalla Focsiv

Il primo riconoscimento per la Cooperazione internazionale al progetto Alma de Colores, il secondo per il Servizio civile internazionale all’operatore Michele Scolari

6 Dicembre 2023
La consegna del premio al progetto in Guatemala

Alla 30ª edizione del Premio del Volontariato Internazionale Focsiv – la più grande federazione italiana di organismi cristiani di cooperazione e volontariato internazionale – l’Associazione Coe (Centro Orientamento Educativo) di Barzio (Lc) ha ricevuto due premi: il Premio Progetto Cooperazione Internazionale 2023 al progetto Alma de Colores (Guatemala), il Premio Servizio Civile Universale 2023 a Michele Scolari, operatore volontario in Camerun.

Alma de Colores è un percorso di solidarietà internazionale in Guatemala promosso da una famiglia biellese, che si è trasformato in un vero progetto e che ha raggiunto gli obiettivi prefissati. Questa la motivazione: «Per essere la risposta concreta e modello di inclusione lavorativa e sociale dei giovani con disabilità di San Juan La Laguna e di coloro che vivono intorno al Lago Atitlán. Per la capacità di coltivare e valorizzare le competenze delle persone con disabilità, rendendole protagoniste di un percorso di sviluppo a vantaggio di sé stesse e dell’intera comunità di appartenenza. Per non essere mai più persone discriminate e trascurate dalle politiche di sviluppo del Guatemala. Alma de Colores, cambia le prospettive e il colore della vita».

La consegna del premio a Michele Scolari

Michele Scolari incarna a pieno il senso di un operatore volontario in Servizio Civile Universale, mettendo in campo disponibilità e spirito di servizio, impegno civico e sobrietà, competenza e passione. Questa la motivazione: «Si può essere un aspirante avvocato civilista specializzato in diritti umani e decidere di vivere l’esperienza di Servizio Civile Universale in Camerun con l’Associazione Coe. Si può essere impegnati in interventi rivolti a persone con situazioni sociali diverse, ma accomunate tutte dalla difficoltà di trovare un proprio spazio nel tessuto sociale. Si può promuovere una società inclusiva e la tutela dei diritti, in particolare quelli delle persone detenute nelle carceri del Camerun. Per aver accompagnato tanti in un percorso di uscita dal carcere e nel riappropriarsi della propria vita. Per aver difeso i diritti umani, lo sviluppo e l’inclusione sociale di chi vive ai margini della società camerunese. Michele, dalla parte degli ultimi».

«Questi due premi sono storici e pieni di significati per il lungo cammino della nostra Associazione tracciato 60 anni fa da don Francesco Pedretti – spiega André Siani, presidente del Coe -. Vediamo in questi premi il frutto del nostro impegno per promuovere e fare vivere ovunque i valori di diversità, equità e inclusione per costruire un mondo migliore. Ringraziando Focsiv per il Premio e la Giuria che ha votato le nostre candidature, estendiamo a tutti l’invito a vivere esperienze di volontariato in Italia e all’estero».