La sfida della nuova evangelizzazione al centro dell’Assemblea 2012. Invitati responsabili, membri dei Consigli, educatori e chi segue il percorso formativo delle istituzioni di Pg

di Mario PISCHETOLA

oratorio

Anche l’oratorio accetta la sfida della nuova evangelizzazione e si interroga su quali forme adottare o rinnovare perché proprio attraverso l’oratorio possa essere proposta e trasmessa efficacemente la fede alle giovani generazioni.

La sosta che gli oratori si danno per riflettere insieme è l’Assemblea che si terrà presso il Seminario arcivescovile di Seveso, nella mattinata di sabato 17 novembre. Sono attesi i responsabili degli oratori ambrosiani, i membri dei consigli dell’oratorio, gli educatori e tutti coloro che condividono la corresponsabilità educativa in oratorio. L’Assemblea è indetta dalla Fondazione Oratori Milanesi (Fom), che in essa individua l’appuntamento annuale più significativo della condivisione e della comunione che lega i mille oratori ambrosiani.

Il tema dell’Assemblea 2012 è “Aperti per fede. Per una nuova evangelizzazione attraverso l’oratorio”. «I nostri oratori risultano sempre “aperti” – commenta don Samuele Marelli, direttore della Fom -, con la motivazione fondamentale e condivisa da tutti che consiste nell’annunciare il Vangelo ai ragazzi e agli adolescenti, intercettando la loro vita quotidiana e orientando le loro scelte, alla luce di un percorso di fede che dia senso alle loro esperienze. La crescita dei ragazzi in oratorio avviene se la testimonianza di figure adulte è supportata da una apertura di fondo e una comprensione della realtà in cui i ragazzi abitano e da una assunzione di responsabilità nei loro confronti. I ragazzi in oratorio non sono “di passaggio”, ma vi hanno una “piena titolarità” che può plasmare la loro identità e il loro senso di appartenenza ecclesiale».

L’Assemblea prevede un momento di ascolto e uno di condivisione a gruppi. Il relatore sarà don Luca Ramello, giovane teologo pastoralista, studioso dell’oratorio nei diversi contesti pastorali, ora impegnato in prima persona come responsabile diocesano della Pastorale giovanile dell’arcidiocesi di Torino. «La relazione introduttiva – continua don Marelli – ci aiuterà a rileggere l’oratorio come un “segno” incisivo della fede della comunità cristiana e avvierà la riflessione nei gruppi. Ci preme l’obiettivo di delineare quelle scelte e quelle pratiche che rendono l’oratorio una “porta”, una “casa” e una “strada” per la fede dei ragazzi. Essi hanno innanzitutto bisogno di essere accolti in un ambiente favorevole e familiare perché anche la loro vita fuori dall’oratorio assuma la forma del vangelo».

Nell’ambito dell’Assemblea degli oratori verranno assegnate le prime abilitazioni diocesane del percorso formativo per responsabili delle istituzioni di pastorale giovanile.

Programma dettagliato, modalità di partecipazione e altre info su www.chiesadimilano.it/pgfom

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi