Redazione

Giovedì 20 marzo, alle 17.30, il cardinale Tettamanzi celebrerà in Duomo la Messa in Coena Domini con il tradizionale rito della lavanda dei piedi. Quest’anno il gesto, che ricorda quello compiuto da Gesù nei confronti degli apostoli, sarà rivolto ad alcuni giovani ambrosiani che a luglio andranno a Sydney per la XXIII Giornata mondiale della gioventù. Tra i prescelti ci saranno tre ventenni di Alzate, Orsenigo e Lurago (decanato di Erba) e alcuni rappresentanti del gruppo di Bareggio che prima dell’incontro con Benedetto XVI parteciperà al gemellaggio con la diocesi di Melbourne. «L’Arcivescovo ha scelto la lavanda dei piedi come luogo simbolico del servizio e della missione chiamando 12 giovani iscritti alla Gmg», dice monsignor Severino Pagani, vicario episcopale per la Pastorale giovanile. Ricordando il gesto Gesù è come se l’Arcivescovo dicesse ai giovani: «Vi ho dato l’esempio, perché come ho fatto io, facciate anche voi». Un invito esplicito, quasi una «consegna – puntualizza Pagani – verso coloro che andranno a Sidney». (l.b.)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi