Circa 5 mila sfollati: molta la paura, ma ancor più grande è la fiducia

a cura di Francesco ROSSI
con la collaborazione di Lucia TRUZZI

Terremoto in Emilia

Almeno ha smesso di piovere, almeno per qualche ora. E non è un sollievo da poco il sole per le persone costrette per strada, o nelle loro macchine, o nei campi allestiti dalla Protezione civile, mentre la terra in Emilia continua a tremare. Secondo i dati diffusi dalla Regione Emilia Romagna sono 4.914 i cittadini che hanno lasciato le proprie case per essere ospitati presso i campi e le strutture di prima assistenza allestiti dalla Protezione civile: 266 nel Bolognese, 1.288 nel Ferrarese e 3.360 nel Modenese. Impegnati 731 volontari della Protezione civile regionale, oltre a circa 300 provenienti da altre regioni, ed è stato attivato un posto medico avanzato a Mirandola per assicurare la prosecuzione dell’attività sanitaria a fronte dell’inagibilità degli ospedali di Finale Emilia e Mirandola.

L’impegno della Caritas

La popolazione colpita dal terremoto in Emilia Romagna sta reagendo «con un atteggiamento di fiducia, perché la rete della solidarietà, la rete soprattutto della carità in Italia, è sempre stata all’altezza, specialmente manifestando la buona volontà di tutti», ha detto monsignor Francesco Soddu, direttore di Caritas italiana, dopo aver visitato i luoghi del sisma. Un incontro tra Caritas italiana, il delegato regionale delle Caritas dell’Emilia Romagna Gianmarco Marzocchini e i direttori delle Caritas delle diocesi colpite farà «il punto su bisogni e interventi necessari» e «avviare azioni di prossimità sul territorio, puntando a mantenere unite le comunità locali». Frattanto, da tutta Italia, le diverse Caritas diocesane hanno manifestato «vicinanza e disponibilità ad aiutare, così come anche l’intera rete internazionale, tramite Caritas Europa e Caritas internationalis».

Danneggiata la memoria storica

Viaggiando tra le zone colpite si percepisce come a fare le spese del terremoto sia stato soprattutto il patrimonio storico e artistico di queste terre. «Le case nel complesso hanno retto e non abbiamo avuto danni significativi alle persone, mentre è un grave disastro dal punto di vista storico», commenta monsignor Ettore Rovatti, parroco di Finale Emilia, epicentro del sisma. In città il centro è “zona rossa” e gli abitanti fanno la fila davanti a una postazione allestita dai Vigili del fuoco per andare nelle loro case, accompagnati e con l’elmetto in testa, a recuperare gli effetti personali più urgenti. Il fenomeno è ancora in atto, e bisogna attendere i sopralluoghi della Protezione civile e dei Vigili del fuoco per sapere quali siano gli edifici effettivamente agibili. Il parroco, appassionato della città e delle sue opere d’arte, lamenta la distruzione dei simboli di Finale: la Torre dei modenesi del 1212, il mastio e la torre del castello che risalgono al 1430, la torre degli obici. «Anche tutte le 7 chiese della città – prosegue – hanno avuto gravi danni e ora sono chiuse».

Il dramma di Sant’Agostino

A Sant’Agostino Ferrarese, all’estremo confine della diocesi di Bologna (ma già in provincia di Ferrara), «sono venuti meno i tre punti di riferimento di una comunità: il Comune, la chiesa, il posto di lavoro», osserva il parroco, don Gabriele Porcarelli. Lui stesso è sfollato. «Non posso entrare né in Chiesa, né in canonica», racconta. Il campanile, fortemente danneggiato, rischia di crollare e la piazza antistante è stata transennata; di fronte alla chiesa, il municipio devastato le cui immagini hanno fatto il giro del mondo. «Quasi tutte le attività lavorative qui hanno avuto i capannoni danneggiati», prosegue don Porcarelli, spiegando che solo alle Ceramiche Sant’Agostino (dove hanno perso la vita 2 dei 4 operai) vi sono circa 350-400 lavoratori. Fabbriche chiuse, dunque, e pure «le chiese vicine di Mirabello e Buonacompra – aggiunge – non esistono più». Si è salvata, invece, la chiesa della vicina frazione di San Carlo, costruita nel 1997, ma anche qui si è registrata la distruzione del cinquecentesco Oratorio Ghisilieri. Ancora intatto il cartello che ne annuncia il restauro. «Avevamo appena rifatto la pavimentazione – racconta il parroco di San Carlo, don Giancarlo Mignardi – con il riscaldamento che vi passava sotto. Per fortuna non avevo firmato il contratto per la manutenzione delle caldaie…».

Chiusa la Curia di Carpi

A Carpi sono in corso le verifiche della Protezione civile, che hanno riscontrato danni nel centro storico (caduta di comignoli, crepe nei muri, distacchi di cornicioni e slittamento dei manti di copertura), il cedimento di parte del tetto del Teatro comunale, due scuole lievemente colpite e quattro abitazioni private inagibili. Per quanto riguarda le chiese cittadine si parla di inagibilità del Duomo e di San Nicolò. «Invito ognuno ad avere coraggio, a vivere con fede questa durissima prova, questo ci aiuterà a creare comunità più unite nell’amore, nell’amicizia e nella solidarietà»: queste le parole d’incoraggiamento che il vescovo di Carpi, monsignor Francesco Cavina, ha rivolto alle popolazioni colpite. Anche il palazzo vescovile e gli uffici della curia sono chiusi per motivi di sicurezza e lo stesso presule ieri notte ha dormito per precauzione in un garage, perché nella sua abitazione sono comparse crepe vistose.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi