Il rapporto di “Cittadinanzattiva” mostra criticità e ritardi. La situazione sta migliorando ma ci vorranno almeno dieci anni per rendere sicuri gli istituti italiani

di Alberto CAMPOLEONI

edilizia scolastica

In questi giorni di avvio del nuovo anno scolastico – e, a dir la verità, nei mesi precedenti – l’attenzione di chi guarda al mondo scolastico è stata monopolizzata in buona parte dalla questione docenti, con le immissioni in ruolo legate alla riforma del Governo. In questo contesto, il rapporto di “Cittadinanzattiva” su “Sicurezza, qualità, accessibilità a scuola” suona come un brusco richiamo alle questioni strutturali e una volta di più fotografa una situazione davvero critica per quel che riguarda gli istituti scolastici italiani e l’edilizia. Situazione che – annota il Rapporto nell’introduzione – «sta migliorando, ma con estrema lentezza».

«Nonostante la centralità riconosciuta al tema della scuola e dell’edilizia scolastica e nonostante l’indiscutibile impegno fino ad oggi profuso dall’attuale Governo – dichiara il Rapporto, che parla di “emergenza nazionale” – la gravità della situazione in cui versano le scuole, il forte ritardo accumulato, il difficile contesto economico, le inadeguate competenze tecniche, organizzative, politiche, economiche di tante amministrazioni locali, la tardiva e incompleta pubblicazione dei dati circa il reale stato dell’edilizia scolastica, eccetera, inevitabilmente renderanno lenta, lunga e complessa la messa in campo di risorse, umane, tecniche, finanziarie, adeguate alla gravità della situazione».

Se non è una specie di getto della spugna, poco ci manca. E si può anche comprendere, visto che sono tanti anni, ormai, che la drammatica situazione dell’edilizia scolastica viene denunciata, non solo da “Cittadinanzattiva”, peraltro. Situazione che – è facile immaginarlo – si presenta a macchia di leopardo in Italia, con il Sud particolarmente penalizzato.

“Cittadinanzattiva” rileva come più della metà delle scuole si trovi in zone a rischio sismico («A livello nazionale – precisa il Rapporto – il numero di scuole presenti in territorio sismico è il 54% del totale») e una su dieci a rischio idrogeologico.

L’Associazione ha monitorato in particolare 101 istituti. Di questi, 40 hanno una manutenzione carente, 20 hanno lesioni strutturali serie e nel 50% dei casi nessuno ci ha ancora messo mano. Il 15% delle aule mostra distacchi di intonaco o segni di fatiscenza. Sono rotti o inutilizzabili il 20% dei banchi e il 18% delle sedie, mentre metà degli arredi non è a norma. Ma ci sono anche i bagni senza carta igienica (il 42%) e quelli senza sapone (il 53%), per non parlare degli asciugamani (il 77% non sa cosa siano). Cosa da poco, verrebbe da dire, se messe a fianco alla mancanza di scale di sicurezza (in una scuola su quattro), vetrate non a norma (due terzi del campione) e via elencando.

E l’Anagrafe dell’edilizia scolastica? Un passo avanti, certo. Ma intanto non è ancora a regime, annota sempre “Cittadinanzattiva”, che invita a non farsi facili illusioni. I miglioramenti in questi anni permettono di dire che gli istituti italiani potranno diventare sicuri – la mappatura nazionale aiuterà, certo – ma adesso non lo sono e l’ottimismo del Ministro che ad agosto ipotizzava un tempo di quattro anni non è verosimile. «Come minimo ce ne vorranno dieci».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi