Cinque anni fa il sisma che mise in ginocchio il Paese caraibico e sollecitò aiuti umanitari da tutto il mondo. Uno “speciale” sulla calamità e sugli interventi solidali che ne seguirono

Haiti

Alle 16.53 del 12 gennaio 2010 una scossa di magnitudo 7 della scala Richter, con epicentro localizzato a una ventina di chilometri dalla capitale Port-au-Prince, devastò Haiti. In un contesto di immane distruzione si contarono circa 225 mila vittime e lo scenario apocalittico sollecitò l’intera comunità internazionale a inviare aiuti.

Caritas Ambrosiana fu in prima fila, anche grazie ai contatti già esistenti con i missionari ambrosiani attivi nella diocesi di Port-de-Paix. Soprattutto qui, oltre che nella capitale, in questi cinque anni sono stati compiuti numerosi interventi e realizzati diversi progetti nel segno del «farsi prossimo».

Sul sito di Caritas Ambrosiana uno “speciale” (in allegato) ricorda tutto questo, con approfondimenti sull’attuale situazione del Paese, sugli interventi realizzati e in fase di realizzazione, su alcuni progetti specifici e in particolare sulla costruzione di cisterne per acqua e latrine e sulla “Formazione e lavoro” in corso a Mare Rouge.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi