In Myanmar sono 27 mila le vittime e 41 mila i dispersi a causa del ciclone Nargis. La Caritas Ambrosiana fa appello alla generosità di tutti


Redazione

06/05/2008

Cresce di ora in ora il bilancio delle vittime di Nargis, il ciclone che nella notte tra venerdì e sabato si è abbattuto sull’ex Birmania, oggi Myanmar. Gli ultimi dati ufficiali parlano di 27 mila morti e di circa 41 mila dispersi.

Le zone più colpite sono l’ex capitale Rangoon, il territorio della diocesi di Pathein e il delta del fiume Irrawaddy. Qui la tempesta tropicale, con raffiche di vento fino a 240 chilometri orari, ha distrutto interi villaggi e interrotto le vie di comunicazione. Tutto ciò renderà ancora più difficile distribuire gli aiuti umanitari alle centinaia di migliaia di persone sfollate, rimaste senza tetto e acqua potabile.

Il disastro, a pochi giorni dal referendum sulla nuova Costituzione, il 10 maggio, rende ancora più complesso il delicato quadro socio-politico già compromesso dalle manifestazioni dello scorso autunno, organizzate da una larga parte della popolazione e da migliaia di monaci buddhisti per la tutela dei diritti umani.

Per far fronte all’eccezionale gravità della situazione Caritas Ambrosiana, in accordo con Caritas Internationalis e Caritas Italiana, ha scelto di lanciare una raccolta fondi per gli aiuti umanitari e i primi interventi di emergenza.

Èpossibile donare il proprio contributo tramite:
– donazione diretta presso l’Ufficio Raccolta Fondi (via San Bernardino 4, Milano), lunedì-giovedì h 9.30-12.30 e 14.30-17.30, venerdì h 9.30-12.30;
– conto corrente postale n. 13576228 intestato a Caritas Ambrosiana Onlus;
– conto corrente bancario n. 578 – Cin P, ABI 03512, Cab 01602 presso l’ag. 1 di Milano del Credito Artigiano e intestato a Caritas Ambrosiana Onlus (IBAN: IT16 P 0351201602000000000578);
– tramite carte di credito: donazione telefonica tel. 02.76037324 in orari di ufficio (vedi sopra) e donazione diretta collegandosi al sito www.caritas.it

Causale delle offerte (detraibili fiscalmente): “Emergenza Myanmar ex-Birmania”.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi