La Pontificia Università Lateranense ospita un convegno promosso dalla Società astronomica italiana. L’intervento del rettore, mons. Enrico dal Covolo

Universo

«Il compito dell’astronomo è quello di utilizzare gli strumenti della tecnologia e l’ingegnosità dell’intelletto umano per ottenere una comprensione scientifica dell’universo, indagando e svelando i suoi misteri». Lo ha detto mons. Enrico dal Covolo, rettore della Pontificia Università Lateranense, intervenendo all’European Week of Astronomy and Space Science, un’iniziativa promossa dalla Società astronomica italiana (Sait) e ospitata dall’Ateneo del Laterano fino al prossimo 6 luglio.

«Proprio lo studioso, guardando alla complessità dell’universo, – ha spiegato il vescovo – è spronato a cercare costantemente nuovi modi di esprimere la conoscenza e la comprensione. Tale impegno porta anche a contemplare l’universo come frutto dell’azione di un Dio intelligente e amorevole».

«È mia sincera speranza che questa settimana di conferenze e dibattiti – ha concluso mons. Dal Covolo – alimenti l’interesse per il mistero dell’universo che ci fa scrutare Colui che, come ha affermato Papa Benedetto XVI parlando nel maggio di quest’anno ai vescovi italiani riuniti in assemblea generale, è spesso il grande Sconosciuto: un Dio che rimane nascosto e ignorato a causa della nostra indifferenza e incapacità di riconoscere la sua presenza in natura».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi