Link: https://www.chiesadimilano.it/news/arte-cultura/lultima-cena-nellarte-meditazione-quaresimale-per-immagini-33838.html
Sirio 8 - 14 luglio 2024
Share

Incontri

L’Ultima Cena nell’arte:
meditazione quaresimale per immagini

Un affascinante percorso fra arte e fede, come introduzione alla Settimana Santa, a partire dal capolavoro di Leonardo da Vinci: il Cenacolo. Venerdì 20 a Legnano, domenica 22 a Saronno.

19 Marzo 2015

Un affascinante percorso fra arte e fede, come introduzione ai Misteri della Settimana Santa, attraverso uno dei massimi capolavori di tutti i tempi: il Cenacolo di Leonardo da Vinci. Un viaggio emozionante, dove la pittura si intreccia con le Sacre Scritture, la storia si incrocia con la teologia, l’umano incontra il divino. In una scoperta continua di simbologie oggi per lo più dimenticate, ma che ci riportano nel vivo della spiritualità medievale e della cultura cristiana.

È una meditazione per immagini attorno al tema dell’Ultima Cena, quella proposta nel tempo quaresimale da alcune parrocchie della diocesi di Milano e guidata da Luca Frigerio, redattore dei periodici della Diocesi di Milano e autore del libro Cene Ultime. Dai mosaici di Ravenna al Cenacolo di Leonardo (Edizioni Ancora, 290 pagine, 29.50 euro).

Questo il calendario degli incontri, a ingresso libero:

 

IL MENU’ DELL’ULTIMA CENA

Venerdì 20 marzo, alle ore 21 
presso l’oratorio dei Santi Martiri Anauniani a Legnano
via Flora, 67 (tel. 0331.548841)

 

IL CENACOLO DI LEONARDO
Domenica 22 marzo, alle ore 17 
presso l’Auditorium Aldo Moro  a Saronno
(alle spalle del Santuario)
A cura dell’Associazione Paolo Maruti
www.associazionemaruti.it
Tel. 02-960.32.49

L’autore Luca Frigerio si rende disponibile per incontri fra arte e fede, nelle parrocchie e nei centri culturali: per contatto, tel. 02.67131672 – luca.frigerio@chiesadimilano.it

 

Leggi anche

Riscoperte
Cenacolo Alzate Pietro

L’Ultima Cena di Alzate Brianza:
ispirata al Cenacolo di Leonardo,
ma con originalità

Attribuito a Sigismondo De Magistris, l'affresco cinquecentesco della chiesa di San Giorgio, poco noto ma di grande interesse, deriva direttamente dal celebre modello milanese. Eppure non è una semplice "copia".

testo e foto di Luca Frigerio