In questo nuovo saggio, Andrea Dall’Asta traccia un percorso interdisciplinare che si distende sull’arco di due millenni, a partire dal messaggio provocatorio della Croce, svelamento dello splendore del Volto di Dio e dell'uomo.

Dall'Asta Ancora Croce e Volto

In che modo l’evento della Croce si presenta oggi a noi, dopo secoli di interpretazioni? Quale volto di Dio si rivela nel Crocifisso? Otto percorsi tra arte, cinema, filosofia e teologia verso la rivelazione della paradossale bellezza di Dio.

La raffigurazione del Cristo crocifisso è stata per la teologia e l’arte il luogo per eccellenza in cui cercare di rivelare il «vero» volto di Dio.

Nei primi secoli si preferisce mostrare il Cristo glorioso, trionfante sulla morte come un capo vittorioso. Dall’epoca medioevale si mette in scena il dramma del Gesù sofferente, deforme, colto nell’ultimo spasimo, il cui volto sfigurato rivela le lacerazioni di un’umanità in attesa di una redenzione.

E oggi, come si può interpretare e rappresentare l’evento della Croce? Come può la bellezza di Dio confrontarsi con tale atrocità? In che modo è possibile comprendere la bellezza del Crocifisso? Quale senso dare oggi a questa bellezza? In questo denso saggio, corredato da un ricco apparato iconografico (circa 40 riproduzioni a colori di grandi dimensioni), Andrea Dall’Asta traccia un percorso interdisciplinare tra arte, cinema e teologia che, dalle rappresentazioni cristiane dei primi secoli attraverso la pittura e la scultura, si distende sull’arco di due millenni fino ad arrivare nel Novecento alle modalità inedite e sorprendenti con cui il linguaggio artistico contemporaneo prova ad interpretare la «bellezza» di Dio; a partire dal messaggio provocatorio della Croce, svelamento dello splendore del Volto di Dio e dell’uomo.

Andrea Dall’Asta, dopo avere terminato gli studi di architettura a Firenze nel 1985, entra nella Compagnia di Gesù nel 1988. Dal 2002 dirige la Galleria San Fedele di Milano e dal 2008 la Raccolta Lercaro di Bologna. La sua attenzione è rivolta al rapporto tra arte, liturgia e architettura. 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi