Dal leone all'aquila, dall'agnello al drago, un ciclo di conferenze sul "Bestiario medievale" alla scoperta di un linguaggio simbolico "dimenticato" ma che affonda le sue radici nella Bibbia e nei Padri della Chiesa, ma anche nel pensiero dell'antichità, e che ha rivestito di immagini le chiese, i monasteri e i codici del mondo cristiano. Nei giovedì di febbraio, alle 18.

Bestiario leone Sant'Ambrogio

Leoni, cervi, draghi, pesci, serpenti, sirene… Sulle facciate delle cattedrali, come sui capitelli delle chiese medievali o sulle pagine di antichi codici è tutto un agitarsi di creature animali, reali o fantastiche, mansuete o feroci. Un “bestiario” sorprendente e affascinante, ma che spesso non riusciamo più a “leggere” con immediatezza.

In questo ciclo di incontri, curati dal giornalista Luca Frigerio, si racconta, in modo semplice e chiaro, anche attraverso un ricco e originale apparato di immagini, il significato simbolico delle numerose e diverse rappresentazioni “zoologiche” che affollano gli edifici sacri e le pagine miniate dell’età medievale.

Riscoprendo un linguaggio complesso e misterioso, ispirato ai testi biblici e ai Padri della Chiesa, ma anche alla tradizione classica e alle credenze popolari, che si serve dei simboli e dei segni della natura per parlare delle cose celesti.

Come scriveva Alano da Lilla nel XII secolo: «Ogni creatura del mondo funge per noi da specchio della nostra vita, della nostra morte, della nostra condizione ed è segno fedele della nostra sorte».

Giovedì 6 febbraio, h. 18
IL LEONE e gli animali selvaggi

Ovvero il duplice volto della potenza: perché il re degli animali, il più raffigurato negli edifici medievali, può incarnare la forza diabolica ma anche essere simbolo di Cristo. Si analizzerà poi anche la simbologia della scimmia, dell’elefante, del lupo ecc.
 

Giovedì 13 febbraio, h. 18
L’AGNELLO e gli animali domestici

È il simbolo cristologico per eccellenza, dall’indicazione del Battista all’Apocalisse. Così come, alla fine dei tempi, Cristo giudice separerà le buone pecore dalle cattive capre. Con il cane, animale ora reietto per la sua impurità, ora esaltato per la sua fedeltà…

Giovedì 20 febbraio, h. 18
L’AQUILA e il popolo del cielo

Ha il predominio dei cieli, l’aquila, emblema araldico fra i più diffusi, dall’antichità fino ai nostri giorni. Mentre la colomba è la personificazione stessa dello Spirito Santo, il gallo l’araldo della luce che scaccia le tenebre, dove invece si ostina a vivere la civetta…

Giovedì 27 febbraio, h. 18
IL DRAGO e le creature fantastiche

Come è fatto il drago? Ma è mai esistito? Perché, dall’Apocalisse in poi, è stato interpretato come l’essenza stessa del male? E che ci stanno a fare nelle chiese medievali quei grifoni, quelle sirene, quei centauri? Esseri mostruosi che paiono incubi. Seppur affascinanti.

 

Luca Frigerio, giornalista e scrittore, è redattore dei media della diocesi di Milano, con particolare attenzione per i temi culturali. Fra i suoi lavori più recenti, un saggio dedicato al tema dell’Ultima cena nell’arte (Cene ultime. Dai mosaici di Ravenna a Leonardo) e una monografia sui capolavori di Caravaggio (Caravaggio. La luce e le tenebre), entrambi pubblicati da Ancora.

 

Con questi incontri, in assoluta anteprima,
viene presentato il suo nuovo libro BESTIARIO MEDIEVALE
(530 pagine, interamente illustrato, rilegato, 59 euro)
che verrà offerto a prezzo speciale ai partecipanti del corso.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi