Esposta nella prestigiosa istituzione milanese una selezione di testi e manoscritti della Biblioteca e di oggetti artistici della Pinacoteca che riguarda le opere dell'Alighieri, nel settimo centenario della morte.

Fino al 12 settembre 2021, in occasione delle celebrazioni per il settimo centenario della morte di Dante Alighieri, la Pinacoteca Ambrosiana di Milano ospita la mostra Sfogliando la Commedia all’Ambrosiana.

La rassegna, curata dal Collegio dei Dottori dell’Ambrosiana, presenta una preziosa selezione del patrimonio librario dantesco della Biblioteca che copre un arco cronologico dal XIV al XX secolo.

Il percorso espositivo si apre idealmente con il celebre codice miniato della Divina Commedia – risalente alla fine del XIV sec., conosciuto come Chiose ambrosiane – trafugato per il suo valore da Napoleone nel 1796 e rientrato poi a Milano dopo il Congresso di Vienna. Al suo fianco, si troverà il Commento alla Commedia, del XV secolo, redatto da Pietro Alighieri, figlio di Dante, nato dal matrimonio con Gemma Donati. In questo Commento, l’autore si sforza di accordare l’opera dantesca ai capolavori della letteratura classica e con gli scritti dei Padri della Chiesa e degli Scolastici.

Tra gli incunaboli spicca la pregiata edizione del Poema, realizzata a Venezia nel 1491, con Commento di Cristoforo Landino, al cui interno si trovano 100 incisioni in legno, il cui disegno è attribuito al Mantegna. Il commento del Landino, che ebbe larga diffusione, aveva una funzione esegetica del testo, più che esplicativa, mirata e finalizzata, specialmente, alla formazione del cittadino e alla glorificazione della città di Firenze.

Nella sezione delle cinquecentine si può ammirare la famosa stampa di Aldo Manuzio del 1502, curata dal Bembo, recante uno dei primi esempi del carattere corsivo, a opera di Francesco Griffo da Bologna.

Tra le edizioni del Settecento si segnala quella di Antonio Zatta, del 1757-1758, dedicata a Elisabetta Petrowna imperatrice di Russia e riccamente illustrata da eccellenti incisioni, mentre per l’Ottocento, quella, rarissima, del 1809, per i tipi di Luigi Mussi, con i caratteri di tipo bodoniano.

La mostra si chiude con la sontuosa stampa del Poema – Firenze, all’Insegna dell’Ancora, 1817-1819 – dedicata ad Antonio Canova, recante 125 grandi xilografie.

Per l’occasione – di fronte alla suggestiva vetrata dantesca eseguita da Giuseppe Bertini nel 1851 per l’Esposizione Universale di Londra – è allestito uno spazio dedicato alla visione delle tavole della Commedia approntate, lungo un ventennio (1919-1939), da Amos Nattini dietro suggerimento e invito di Gabriele D’Annunzio.

Orari: giovedì e venerdì, 14.00-18.00, prenotazione caldamente consigliata; sabato e domenica, 10.00-18.00, prenotazione obbligatoria; chiusa da lunedì a mercoledì. Per assicurare al pubblico una sicura esperienza di visita, gli ingressi saranno contingentati; la prenotazione online è caldamente consigliata nei giorni infrasettimanali, mentre è obbligatoria per il sabato e la domenica. Biglietti: intero € 15.00 / ridotto € 10.00. In accordo con gli ultimi provvedimenti del Governo, potranno accedere solo coloro che sono in possesso di Green pass.

I biglietti per i visitatori singoli sono acquistabili online a questo link  

Informazioni: tel. 02.806921; info@ambrosiana.it www.ambrosiana.it

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi