Dal 5 maggio in mostra alla Galleria San Fedele a Milano gli scatti intensi e strazianti di Karl Mancini che ricordano chi ancora oggi è ferito e mutilato in Cambogia delle mine sparse a milioni.

Harl Mancini Cambogia mine mutilati San fedele

La Cambogia è uno dei paesi con il più alto numero di mine attive (tra i 4 e i 6 milioni) e il più elevato numero di amputati pro capite: più di 30.000 persone – soprattutto bambini e contadini – hanno perso gli arti o sono state gravemente ferite dalle mine o da altri ordigni inesplosi.

A loro è dedicato il progetto fotografico di Karl Mancini, presentato alla Galleria San Fedele a Milano. Una ricerca nata non solo per ricordare il genocidio cambogiano, ma anche per rendere consapevoli che non tutte le guerre finiscono con i trattati di pace: simili a fantasmi che emergono dal passato, le mine continuano infatti a mietere vittime anche dopo dieci, venti, trent’anni – in Cambogia, come in tanti altri paesi devastati dai conflitti.

Una ricerca, la sua, che non indulge nell’orrore, ma sottolinea il pudore e l’umanità di chi ha avuto la vita segnata da tali perfidi ordigni.

Galleria San Fedele
via Hoepli, 3° – Milano
Fino al 10 giugno 2016
dal martedì al sabato 16.00/19.00
al mattino su appuntamento –
chiuso dal 2 al 5 giugno, aperto lunedì 6 giugno.
Ingresso libero

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi