Link: https://www.chiesadimilano.it/news/arte-cultura/bonhoeffer-e-quellultima-notte-nel-lager-di-flossenburg-2517069.html
Speciale

Gli editori cattolici a Bookcity

Share

Ares

Bonhoeffer e quell’ultima notte nel lager di Flossenbürg

«Essere umani vuol dire agire»: la pièce teatrale di Pino Petruzzelli al centro del dibattito con l’autore, don Elvis Ragusa e Francesco Anfossi in programma il 18 novembre al Museo diocesano

15 Novembre 2023
Dietrich Bonhoeffer nel 1939

«Dietrich Bonhoeffer: Fede, Parola, Resistenza» è il titolo dell’incontro in programma sabato 18 novembre, alle 15, al Museo diocesano (piazza Sant’Eustorgio 3, Milano), nel contesto del progetto «Artigiani di sogni» promosso da un gruppo di editori cattolici per Bookcity 2023 (locandina). Si parlerà, tra gli altri, del libro L’ultima notte di Dietrich Bonhoeffer (Pino Petruzzelli, Ares) e interverranno l’autore, don Elvis Ragusa e Francesco Anfossi.

«Questo non è tanto un libro su Bonhoeffer, quanto sull’attualità del suo pensiero, che anche oggi, di fronte a ciò che accade nel mondo, può indicarci una via per continuare a essere umani, agendo per il bene e non per il male».

Pino Petruzzelli (1962), noto drammaturgo, attore e regista che ama immergersi nel quotidiano dei popoli per raccontarne epopee e tragedie, è stato colpito dalla figura e dalle parole scritte dal giovane teologo protestante durante la sua prigionia e ha scritto un monologo teatrale che poi ha rappresentato in moltissimi contesti, ottenendo sempre grande attenzione e partecipazione. Durante il forzato isolamento della pandemia del 2020, ha ampliato la pièce teatrale L’ultima notte di Dietrich Bonhoeffer, tradotta in volume dalle Edizioni Ares.

Questo contenuto non è disponibile per via delle tue sui cookie

Con l’immediatezza e la forza dell’arte, il testo ci trasporta in una cella del lager di Flossenbürg. Qui, Bonhoeffer trascorse gli ultimi due dei suoi 39 anni, per aver partecipato all’operazione Walchiria, tentativo fallito di eliminare Hitler. L’autore immagina Dietrich che veglia in attesa che sorga l’alba del 9 aprile 1945. Il suo ultimo giorno.

Mentre le ore trascorrono, il giovane attraversa una gamma di sentimenti contrastanti: la nostalgia per la fidanzata Maria e l’affetto dei suoi cari, la frustrazione per non poter più agire in favore degli Altri bisognosi, la paura che lo schiaccia, ma anche la certezza di aver sempre agito secondo coscienza contro il regime nazista e delle buone ragioni di un’opposizione attiva, fino all’estremo abbandono in Dio. E così, fiducioso e sereno, andrà incontro alla morte.

«Gli scritti di Bonhoeffer vengono qui decantati e riscritti con quella sensibilità a tutto campo propria di Petruzzelli» (V. Ruggieri, la Civiltà Cattolica).

L'autore

Pino Petruzzelli (1962) fonda a Genova il Centro Teatro Ipotesi con Paola Piacentini. I suoi spettacoli sono stati prodotti da Teatro Nazionale di Genova, Teatro della Tosse, Mittelfest e Torino Spiritualità. Ha collaborato con Predrag Matvejevic, Vito Mancuso, Pino Cacucci e Massimo Calandri. È direttore artistico del progetto Liguria delle Arti. Inoltre è ideatore e direttore artistico della Casa del Pensiero di Santa Margherita Ligure, un luogo di incontri per crescere in consapevolezza rispetto al proprio essere e agire nella realtà. Ha pubblicato Non Chiamarmi zingaro (Chiarelettere), Io sono il mio lavoro (Pentagora), Gli Ultimi (Chiarelettere), Terra, guerra, radici. Il mio cammino sulle orme di Mario Rigoni Stern (Edizioni Ares).