Un ciclo di incontri per conoscere appieno l'Evangelii gaudium (2013) primo testo pubblicato da papa Francesco

Evangelii-gaudium

La parrocchia Santa Elena di Milano organizza, a partire dal 7 ottobre, un ciclo di incontri per conoscere appieno l’Evangelii gaudium (2013), primo testo pubblicato da papa Francesco (se si esclude l’enciclica Lumen fidei scritta a quattro mani con Benedetto XVI).
Al suo interno c’è una dichiarazione esplicita sulla sua importanza: «sottolineo che ciò che intendo qui esprimere ha un significato programmatico e dalle conseguenze importanti. Spero che tutte le comunità facciano in modo di porre in atto i mezzi necessari per avanzare nel cammino di una conversione pastorale e missionaria, che non può lasciare le cose come stanno» (25).
Al termine del discorso alla Chiesa italiana riunita a Firenze nel V Convegno nazionale (2015): «permettetemi solo di lasciarvi un’indicazione per i prossimi anni: in ogni comunità, in ogni parrocchia e istituzione, in ogni Diocesi e circoscrizione, in ogni regione, cercate di avviare, in modo sinodale, un approfondimento della Evangelii gaudium, per trarre da essa criteri pratici e per attuare le sue disposizioni».
Con il desiderio di attuare quanto richiesto dal Papa, vogliamo innanzi tutto cercare di capire il contenuto di un testo tanto importante.

Gli incontri si terranno il sabato pomeriggio, dalle 17 alle 19, presso la sala della vigna – teatro, con ingresso da via Bezzola 6.

Ecco il programma:
1) Il messaggio e le provocazioni (sabato 7 ottobre)
Don Mario Antonelli, insegnante in seminario di teologia fondamentale e collaboratore in curia presso l’ufficio missionario e l’ufficio dei migranti, ci aiuta a scoprire le linee direttrici dell’Esortazione postsinodale.
2) Diventare corresponsabili (sabato 14 ottobre)
Don Gino Rigoldi, cappellano dell’istituto penale per minorenni Beccaria, ricava dal testo gli atteggiamenti che il singolo deve mettere in atto per poter vivere le indicazioni del papa.
3) L’accoglienza e i percorsi avviati (sabato 21 ottobre)
Andrea Tornielli, giornalista, noto vaticanista de La Stampa, ci descrive i commenti, le reazioni e le decisioni prese a seguito dell’esortazione, indicando anche quali potrebbero essere i modi opportuni per mettere in atto le scelte più coerenti con il testo del Papa.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi