Il 6 agosto 2018 ricorre il 330° anniversario della lacrimazione dell'immagine della Madonna di Lezzeno a Bellano. Per l'occasione è stato preparato questo programma che avrà il suo culmine con la S. Messa solenne presieduta da S. Ecc. Mons Paolo Martinelli

image

Il 6 agosto 2018 ricorre il 330° anniversario della lacrimazione dell’immagine della Madonna di Lezzeno a Bellano. L’episodio venerato dai fedeli risale addirittura al 6 agosto 1688.
Per l’occasione è stato preparato un ricco programma,  che avrà il suo culmine con la S. Messa solenne presieduta da S. Ecc. Mons Paolo Martinelli.

Download (PDF, Sconosciuto)

La storia: Si narra che il 6 agosto 1688 il contadino Bartolomeo Mezzora, sorpreso da un furioso temporale mentre lavorava nei campi, si rifugiò in una piccola cappella con all’interno un medaglione raffigurante l’immagine di una Madonnina. 
Quando il contadino iniziò a pregare verso l’immagine sacra chiedendo clemenza per i suoi vigneti sotto al temporale, si accorse che l’immagine della Madonna stava piangendo lacrime di sangue. La notizia si diffuse rapidamente e , dopo varie analisi, l’evento fu dichiarato un vero a proprio miracolo.Nel 1690 poi fu iniziata la costruzione del Santuario sul colle vicino al luogo in cui era avvenuto il miracolo sopra ad un precedente oratorio di San Giuseppe poi inglobato nella nuova struttura. Il Santuario è in stile barocco classicheggiante, con navata a volte, presbiterio rettilineo, ed una bella cupola affrescata. La facciata è a tre colori, bianco, nero, beige, ed ai lati dell’arco si trovano due grandi nicchie con le statue di San Pietro e San Giuseppe.L’interno è costituito da tre pregiati altari: quello maggiore, che risale al 1746 ed è fatto di marmi policromi, ed i due laterali, quello di sinistra dedicato a San Giuseppe e quello di destra, settecentesco, dedicato a Santa Anna. La volta e le pareti del santuario sono ricoperte di affreschi di Luigi Morgari e sulla cupola potrete ammirare gli angeli che portano in cielo Maria alla quale viene offerto lo stemma di Bellano. 
Sul luogo del miracolo, dove si trovava la cappellina di Bartolomeo Mezzera, nel 1888 fu costruito un nuovo piccolo oratorio con all’esterno una lapide che ricorda l’evento: “Qui, nelle lacrime di Maria, il cielo pensava alla terra”. 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi