Una tradione antica e molto sentita dai fedeli

cappella portinari

Domenica 26 aprile, nella basilica di Sant’Eustorgio a Milano, festa di San Pietro da Verona, che visse, predicò e fece molto bene in questa parrocchia e in tutta la regione. Morì il 6 aprile 1252, scrivendo per terra “Credo” con il suo sangue. Il suo corpo è venerato nella Cappella Portinari e la devozione lo vuole protettore contro il mal di testa.
Le celebrazioni inizieranno sabato 25: nel corso del concerto musicale “Segni di Bellezza” presentazione dell’arca di S. Pietro martire da parte del prof. Luciano Formica.

Domenica 26 aprile, la chiesa aprirà alle 8.30. Saranno celebrate Messe alle 9.30, 11, 12.30 e 17.
Dalle 9 alle 17, bacio della reliquia in Sacrestia monumentale e Venerazione della reliquia del capo di S. Pietro nell’atrio delle cappelle Solariane dalle 9.30 alle 16.30. Sempre fino alle 16.30, venerazione della tomba del martire all’interno della cappella Portinari con passaggio a battere il capo fino alle 16.30

La Messa delle 11 sarà presieduta del vicario episcopale, mons. Carlo Faccendini
Durante la Messa delle 17 ci sarà la processione all’interno della Basilica del capo del martire, venerazione della reliquia del capo esposta sul presbiterio
con la partecipazione delle “Misericordie” (Arese, Milano e Segrate) a onorare il fondatore con solenne vestizione di alcuni confratelli
Dopo la Messa benedizione sul sagrato davanti alla statua di S. Pietro martire.
A conclusione seguirà momento di festoso congedo sulla piazza antistante la Basilica
 

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi