Nel contesto della festa patronale e nell'ambito delle celebrazioni per il centenario della nascita di monsignor Pirovano, torna il corteo solidale da Sant'Eufemia a Santa Maria Nascente.Collaborano l'Associazione Nisshash e gli Amici di Lilia

diamoci la mano

Giovedì 10 settembre a Erba l’Associazione Amici di Monsignor Aristide Pirovano, d’intesa con la Comunità pastorale Sant’Eufemia, rilancia “Diamoci la mano per dare una mano”, il corteo solidale che si svolgeva fino a qualche anno fa e che poi fu sospeso a causa dei lavori di restauro che hanno riguardato la chiesa di Sant’Eufemia. La manifestazione torna in un anno particolarmente importante per gli anniversari che riguardano padre Aristide – centenario della nascita e sessantesimo anniversario della consacrazione episcopale – e rientra nel calendario degli eventi collaterali alla festa patronale di Santa Maria Nascente (8 settembre).
La novità sostanziale è che la manifestazione – a cui sono tradizionalmente invitati i rappresentanti delle istituzioni locali e tutte le associazioni cittadine – coinvolge attivamente altre realtà erbesi attive in ambito missionario: l’Associazione Nisshash (nata nel 2010 per promuovere iniziative di solidarietà verso le popolazioni dei Paesi in via di sviluppo, in particolare a sostegno dell’opera dei missionari erbesi padre Luca Galimberti, suor Maria Luisa Caruso, padre Daniele Frigerio e Piccola Sorella Valeria Testori) e l’Associazione Amici di Lilia (nata nel 2002 in memoria di Lilia D’Ascoli Miotto, e che, dopo aver realizzato un asilo a Santana, in Brasile, poi donato alla diocesi di Macapà, è oggi impegnata nella realizzazione di un centro di salute per madri e bambini a Parintins, sempre in Brasile). Grazie al loro contributo, il corteo sarà animato – all’inizio, lungo il percorso e al termine – da riflessioni ispirate al Messaggio di Papa Francesco per la prossima Giornata missionaria mondiale. Alla serata saranno presenti anche esponenti dell’Ovci, l’organismo di cooperazione internazionale de La Nostra Famiglia.

Il ritrovo è in programma alle 20.30 davanti a Sant’Eufemia, dove saranno lette le prime riflessioni. Da lì partirà poi il corteo, che percorrerà piazza Vittorio Veneto e via Volta e sosterà in largo Puecher, dove si darà spazio ad altre riflessioni. Poi proseguirà per corso XXV Aprile e arriverà in piazza della Prepositura, davanti alla chiesa di Santa Maria Nascente, dove ci saranno le ultime riflessioni, la “catena umana di solidarietà” creata dal gesto di darsi la mano e l’ingresso in Prepositura per l’ultima riflessione dedicata a padre Aristide, l’intervento di don Giovanni Afker, responsabile della Comunità pastorale Sant’Eufemia, e la benedizione conclusiva.

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi