I cambiamenti climatici e il loro influsso sulla salute e sull’ambiente

Clima

“Quattro passi tra i fiori di un’altra stagione”, è questo il titolo del prossimo convegno dell’Associazione Est Modus che si terrà sabato 15 a Milano, presso la Biblioteca di via Valvassori Peroni, 56 a partire dalle ore 9.
Un ricco carnet di studiosi e accademici di fama nazionale e internazionale illustreranno le problematiche dei cambiamenti climatici e l’influsso che essi hanno sulla salute umana e sull’ambiente.
Interverrà al Convegno Est Modus il climatologo dr. Luca Mercalli, già noto al grande pubblico televisivo per aver partecipato a programmi sulla TV nazionale: parlerà dell’aumento della temperatura globale atteso nei prossimi decenni a seguito delle emissioni prodotte dalla combustione di materiali fossili e di altre attività umane che porteranno, secondo l’IPCC, ad aumenti compresi tra 2 e 5°C. L’impatto sulla salute si svilupperà attraverso ondate di calore soprattutto nelle grandi aree urbane.
Seguiranno nel ricco programma il dr. Stefano Agostini, naturalista e Direttore scientifico di NEO G Pharma, che illustrerà i supporti farmacologici fitoterapici attualmente disponibili; come ogni animale sulla terra, anche gli esseri umani si troveranno ad affrontare la difficoltà di adattarsi necessariamente in tempi brevi ai cambiamenti climatici e soprattutto alle manifestazioni meteorologiche estreme che incrementeranno condizioni patologiche sia a livello fisico, sia a livello mentale. Suggerirà alcuni rimedi.
La dott.ssa Paola del Negro, Direttrice dell’Istituto di Oceanografia di Trieste, ci parlerà del rapporto imprescindibile tra mare e clima; l’interazione oceano-atmosfera è un fenomeno rilevante per le sue implicazioni sul clima. Gli oceani sono la principale fonte di ossigeno del mondo e svolgono un ruolo altrettanto importante di quello delle foreste nel servire come “polmone” del pianeta; inoltre, assorbono più di un quarto delle emissioni di carbonio prodotte dagli esseri umani . Questo significa che giocano un ruolo cruciale nella regolazione del clima.
La dott.ssa Angela Marinoni, dell’Istituto di Scienze dell’atmosfera e del Clima , esporrà i problemi legati alla qualità dell’aria, mentre il dr. Roberto Fagioli, presidente dell’Associazione Est Modus, affronterà il problema della risposta energetica dell’organismo allo stress-psicofisico.
Il prof. Gilberto Parolo, agro- naturalista, parlerà invece degli effetti del riscaldamento climatico sulla flora alpina: queste specie vegetali che vivono sulle montagne potrebbero rispondere all’innalzamento della temperatura diversamente: adattandosi alle nuove condizioni, modificando la loro fenologia e fisiologia, migrando verso zone climaticamente più favorevoli, oppure estinguendosi. Capire quale potrà essere la risposta delle piante alpine e quindi come potrebbe cambiare la composizione vegetale degli ambienti in questione, può essere importante per fare previsioni circa i fenomeni cui andremo incontro nei prossimi decenni, ed eventualmente aiutare le istituzioni preposte nell’attuazione di programmi di conservazione e mitigazione.
Le psicologhe e psicoterapeute Marcella Taricco e Cinzia Scoglio affronteranno un argomento di grade attualità: l’importanza del supporto psicologico e la gestione della crisi dopo le catastrofi naturali, come è avvenuto per il recente terremoto in Lazio. Parleranno delle reazioni della mente di fronte a questi disastri e verrà trattata l’importanza della prevenzione, dello stimolo alla resilienza di gruppo, ma soprattutto dello stimolo all’ottimismo nei bambini.
La dottoressa Scoglio parlerà per esperienza diretta sul territorio di Amandola e di nei luoghi colpiti dal recente terremoto, descrivendo il lavoro fatto, con particolare risalto al valore preventivo dell’intervento tempestivo sui sopravvissuti.
Il dr. Odontoiatra Martino Gianazza parlerà dell’antropologia evolutiva dei mascellari in relazione all’evoluzione, ai cambiamenti climatici e alla dieta; infine una visione artistica al tema del Convegno verrà proposto dalla storica dell’arte dott.ssa Elettra Gorni,
L’ingresso è gratuito e aperto a tutti gli interessati

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi