Presentazione del volume della giornalista Chiara Genisio, sulla vita di due sacerdoti, don Giuseppe Bernardi e don Mario Ghibaudo, morti più di settant’anni fa in una rappresaglia nazista

martiri

Martedì 16 febbraio alle 18, serata con padre Ronchi e Marco Tarquinio, in occasione della presentazione del libro “Martiri per amore. L’eccidio nazista di Boves”, organizzata in collaborazione con l’Associazione Sant’Anselmo.
Alle 18, dopo i saluti di padre Ermes Ronchi, interverranno Marco Tarquinio, direttore di Avvenire e don Bruno Mondino, Parroco di Boves.
Sarà presente Chiara Genisio, autrice del libro.

Il libro
In una fase cruciale della seconda guerra mondiale, quella immediatamente successiva all’armistizio dell’8 settembre 1943, Boves, cittadina a pochi chilometri da Cuneo, è teatro della prima rappresaglia nazista in Italia. Due soldati tedeschi vengono fatti prigionieri dai partigiani. Il maggiore Peiper, capo delle SS, coinvolge il parroco, don Giuseppe Bernardi, e l’imprenditore Antonio Vassallo, in una trattativa per ottenerne la liberazione. La mediazione va a buon fine, ma i tedeschi mettono in atto comunque una rappresaglia: il paese viene incendiato, don Bernardi e Vassallo sono trucidati e il viceparroco don Mario Ghibaudo ucciso a colpi di mitragliatrice mentre
aiuta i compaesani a fuggire.
Un episodio feroce, che avrebbe potuto generare odio. Invece oggi Boves è sede di una «Scuola di Pace», la prima sorta in Italia, per trasformare la tragedia del 19 settembre 1943 in forza che redime.
Nel 2014 a suggellare questo impegno, alcuni esponenti della comunità parrocchiale di Boves, hanno incontrato dei rappresentanti della comunità di Schondorf, il paese della Baviera dove è sepolto Peiper, il boia impunito morto misteriosamente in Francia negli anni ’70 dove era riparato dopo essere sfuggito alla giustizia, «per costruire ponti di amicizia e solidarietà proprio là dove la storia sembrava aver ravvisato fratture insuperabili».
Scrive don Bruno Mondino, l’attuale parroco di Boves, nella postfazione: “Raccontare la vita di due preti don Giuseppe Bernardi e don Mario Ghibaudo, morti più di settant’anni fa, è il compito che si è assunta Chiara Genisio con questo libro. È una storia coinvolgente, resa bene dall’autrice. Una domanda, tuttavia, può emergere: ha ancora significato per noi questo raccontare? Che contributo esso può dare oggi? Questa domanda è ben presente nel testo che abbiamo letto e l’autrice fa
emergere dalla storia stessa tanti elementi per la risposta”.
Nel 2013 è iniziato il processo di beatificazione per don Giuseppe Bernardi e don Mario Ghibaudo. Chiara Genisio, torinese, giornalista, è direttore dell’Agenzia Giornali Diocesani del Piemonte. Collabora con il quotidiano Avvenire e con Vita Pastorale. Con Paoline ha pubblicato Un prete
ribelle. La storia di padre Carmelo Di Giovanni
(2004)

Quando e dove
Martedì 16 febbraio 2016 – ore 18
Sala Verde – San Carlo al Corso – Corso Matteotti, 14 – Milano

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi