Nella splendida cornice della chiesa di San Bernardino alle Monache, in via Lanzone a Milano, il coro condurrà il pubblico in un inedito percorso dai madrigali alla musica contemporanea, seguendo il mutare delle regole dell’armonia

IMG_2334

Il confronto fra come si cantava nel Rinascimento e come i compositori di oggi affrontano i modelli antichi è uno degli spunti del concerto “Luci e Ombre”, a ingresso gratuito, che il coro ViadelCanto eseguirà il 6 giugno nella chiesa di San Bernardino alle Monache, in via Lanzone 13, a Milano.
I brani propongono melodie, armonie e testi letterari dal Cinquecento di Jacob Arcadelt fino alla musica contemporanea di Arvo Pärt, nei quali coesistono o si contrappongono tinte luminose, angoli oscuri, improvvisi lampi di luce, prospettive ombrose, movimento e staticità.
Il programma ripercorre procedimenti compositivi rimasti saldi nel corso dei secoli e riutilizzati in forma assai diversa, o anche ribaltati, dagli autori più recenti e si sofferma sulla relazione tra struttura musicale e significato della parola nel testo, dalla parodia di Orlando di Lasso fino ai testi sacri.
Nel corso dell’esibizione il M° Elena Casella, direttrice del coro, introdurrà i brani con brevi spiegazioni che guideranno gli ascoltatori nella comprensione di questi aspetti.

Dove e quando
6 giugno 2019, ore 20.30, San Bernardino alle Monache, via Lanzone 13, Milano.
Ingresso Libero.

Il coro
Il coro ViadelCanto prende vita nel 2006 all’interno dell’Associazione Musica Aperta di Milano, realtà culturale che si occupa di promuovere l’educazione e la pratica musicale ad adulti attraverso corsi e concerti. Composto da una formazione variabile, il coro è e ama definirsi “amatoriale” perché composto da cantanti non professionisti che condividono la stessa passione e lo stesso rispetto per la musica.

ViadelCanto si è esibito in rassegne musicali e culturali volte alla valorizzazione del patrimonio artistico italiano, come “Tracce Sonore”, in collaborazione con Trekking Italia e con il patrocinio di Fondazione Cariplo, e in concerti con un fine divulgativo, come l’esecuzione integrale di  “Dido and Aeneas” di H. Purcell, a Milano. Ha inoltre preso parte a diverse rassegne e concorsi in Italia. Particolare attenzione è dedicata alle esibizioni per fini benefici o sociali, come quelle all’Hospice “Il Tulipano” dell’Ospedale Niguarda di Milano.
ViadelCanto ha preso parte alla prima mondiale assoluta del brano Garon di Juval Avital, eseguito all’interno dell’installazione di Anish Kapoor a Milano, nel 2012. Con lo stesso autore ha collaborato in due eventi: Reka, Massive Sonic Work n. 4, nell’ambito di MiTo SettembreMusica Festival, a Milano nel 2014 e Reka v. 2 “Reka Re”, Massive Sonic Work n. 4, durante il Festival Aperto, al Teatro Valli di Reggio Emilia, nel 2016.
Il repertorio di ViadelCanto viene eseguito prevalentemente a cappella; il programma si snoda dalla fine del 1400 e include composizioni popolari e auliche, religiose e profane di autori come Juan da Mantua, Luca Marenzio, Orlando di Lasso, Purcell, Tallis, Arcadelt, per giungere fino ai giorni nostri, con intensi brani contemporanei.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi