Webinar su Zoom promosso e organizzato da "La prossima generazione" con il giornalista Giovanni Floris, Andrea Rapaccini ed Elena Giacomelli

FLORIS

Una domanda? Una speranza? Un’utopia? No, vogliamo che diventi una certezza.

Il nostro Paese vede ogni anno sempre più giovani emigrare mossi dal desiderio di trovare un contesto nel quale poter esprimere pienamente se stessi, a fronte di una scarsa capacità di attrazione di talenti dall’estero. L’Italia pare non essere il luogo adatto dove costruire un avvenire prospero. Prova ne sono i tassi di natalità ai minimi storici, il numero tristemente alto di Neet e disoccupati under 35, la pressoché totale marginalità dei giovani all’interno dei processi decisionali nel settore pubblico e privato. I giovani italiani pare che non abbiano né voce né rappresentanza, incapaci di ribaltare le sorti di un Paese che rimane a galla soltanto grazie alle rendite e che non è in grado di fare sistema. Una pesante questione psico-sociale pronta a deflaglare.

Come fare per invertire questo trend? Come valorizzare queste energie preziose in ottica rilancio del Paese? Cosa può offrire l’Italia a tutti questi giovani? E come metterle in dialogo le nuove generazioni con l’inestimabile patrimonio umano, comunitario, storico, artistico, culturale, sociale del nostro Paese?

Cercheremo di dare una soluzione a questi e tanti altri quesiti insieme a Giovanni Floris, giornalista, il quale ci parlerà del suo ultimo libro ” L’Alleanza. Noi e i nostri figli: dalla guerra tra i mondi al patto per crescere”, Andrea Rapaccini, Partner MBS Consulting, Gruppo Cerved, e Elena Giacomelli, Co-fondatrice AssembraMenti. Modera l’incontro Stefano Carpani, Psicoanalista Junghiano e Sociologo.

L’appuntamento è per giovedì 11 febbraio alle 18.30.
La partecipazione al webinar è gratuita previa registrazione.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi