Presso la Caritas Ambrosiana a Milano il convegno «Nutrire le relazioni... fin dove possibile»

violenza donne

Lunedì 11 aprile, alle 9, presso la sede di Caritas Ambrosiana (via San Bernardino 4, Milano), è in programma il convegno «Nutrire le relazioni… fin dove possibile» sul dialogo e la stima, i conflitti e la violenza in famiglia in un contesto multiculturale. Il dibattito, organizzato dalle aree Maltrattamento donne, Famiglia e Minori di Caritas, ha l’obiettivo di sottolineare l’importanza della cura dei legami familiari per nutrire le relazioni di coppia e genitoriali, anche nella prospettiva della prevenzione della violenza e del maltrattamento intra-familiare.  La stima e il dialogo sono dimensioni fondanti la buona convivenza sociale, da coltivare a livello personale e familiare per costruire una trama di rapporti di reciproco rispetto, ma quando il conflitto sfocia nel maltrattamento sulla donna, la relazione si trasforma in prevaricazione dell’uno sull’altra e la donna è chiamata a esercitare il diritto di liberarsi dalla violenza, per sé e per i figli.
Vanna Iori, pedagogista della Cattolica, parla di «Legami familiari ed etica della cura»; Cinzia Chiesa e Roberto Bestazza, psicologi e psicoterapeuti, intervengono sul tema «Sostenere le relazioni familiari in un contesto multiculturale»; Valentina Legnani e Antonella Deninno, psicologhe di Cerchi d’acqua, parlano di «Quando la mediazione non è possibile: maltrattamento e violenza all’interno della coppia»; Paolo Giulini, criminologo del Centro italiano per la promozione della mediazione, riflette su «Il trattamento degli uomini maltrattati». Alle 12.15, dibattito e conclusioni.

Info: tel. 02.76037352, maltrattamentodonne@caritasambrosiana.it; tel. 02.76037347 oppure famiglia@caritasambrosiana.it

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi