Venerdì a Desio incontro promosso da Arca, associazione da quasi 30 anni a servizio dei malati terminali

I volontari

Dai servizi di terapia del dolore e dalla sensibilità degli anestesisti-rianimatori, negli ultimi decenni sono nate le Cure Palliative con l’intento di farsi carico del malato nella sua totalità, sotto l’aspetto clinico, fisico, morale, sociale e spirituale. Per restituirgli qualità di vita, privilegiando la comunicazione e accompagnandolo dignitosamente “nel morire”, non “a morire” accanto alla famiglia. Portate finalmente a termine di legge, con la 38 del 15 marzo 2010, le Cure Palliative restano comunque ancora un’opportunità poco conosciuta.
La successiva e recente approvazione della legge cosiddetta sul biotestamento, n. 219 del 22.12.’17: «Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento», può segnare un discreto cambiamento per il mondo delle cure mediche, in particolare di quelle per alleviare il dolore. Quali orizzonti e nuovi scenari apre questo passo legislativo? E con quali implicazioni etiche e scientifiche? Quanto è informata e preparata la società odierna nei confronti di argomenti quali biotestamento, DAT, sedazione palliativa o terminale?

Se ne discuterà venerdì 18 maggio, alle ore 20.30, a Desio, all’Auditorium Banco Desio, nel corso di una serata, promossa da Arca Onlus, associazione che, in Brianza, da quasi 30 anni si occupa di assistenza , ricerca e cura degli ammalati terminali. “Biotestamento, cure palliative. Un aiuto in più alla gestione dignitosa della vita” – questo il titolo dell’incontro – vedrà l’intervento di esperti di bioetica, diritto, medicina. Relatori: Lorena Forni, ricercatrice di filosofia del diritto, bioeticista, docente di teoria generale e metodi del diritto, Università Milano -Bicocca; Luciano Orsi, medico chirurgo esperto di etica; Mario Picozzi, professore associato Medicina legale, Università degli Studi dell’Insubria, direttore Centro ricerca etica clinica. Modera Giuseppe Anzani, presidente emerito Tribunale di Como e editorialista. Sottolinea il presidente di Arca, Mario Caspani: “Il contesto sociale in cui viviamo tende a rifiutare l’idea della sofferenza e della morte. Con questo incontro, che ci auguriamo possa rappresentare un momento di arricchimento e di scambio importante, intendiamo continuare a sensibilizzare le persone sugli strumenti e sulla cure che abbiamo a disposizione per accompagnare il malato nell’ultimo tratto dell’esistenza, alleviandogli il dolore e rispettandone appieno la volontà”.

L’ingresso è libero.
Ulteriori informazioni: telefono 0362.628146 associazione.arcaonlus@gmail.com

L’associazione
Arca Onlus è nata nel 1989 all’ospedale di Desio, è impegnata nella cura e nell’assistenza dei malati terminali all’hospice Borella di Giussano e a domicilio in numerosi comuni della Brianza dei distretti socio sanitari di Seregno, Carate Brianza e Vimercate. Un compito svolto quotidianamente da 50 volontari, formati e specializzati che, a turno, offrono sostegno ai pazienti e ai loro familiari. L’impegno del sodalizio comprende il servizio di accoglienza in hospice e lo “sportello rosa”, il cui obiettivo è quello di stare accanto alle famiglie anche nel periodo del post lutto. Nell’ottica di implementare il proprio ruolo teso a garantire la dignità della persona nel fine vita , Arca devolve annualmente all’azienda ospedaliera competente, risorse economiche aggiuntive per potenziare l’organico dell’Unità Operativa di Cure Palliative di Giussano con personale “extra”.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi