Torna il laboratorio per imparare a costruire il presepe. E per mamma e papà cassoeula, golosi stand gastronomici, mercatino con presepi etnici e tante curiosità per regali originali

loc-aspettando-natale

Domenica 26 novembre, i Frati Missionari Cappuccini di Milano invitano tutti i milanesi al convento di Piazza Cimitero Maggiore 5 per la prima festa natalizia, dedicata alle famiglie e all’insegna della solidarietà.
Qui, dove si allestiscono presepi in vari stili che si potranno ammirare in mostra nel Chiostro; dalle ore 10.30, per la serie ‘Profumo di pane’, si sforneranno in diretta per tutta la giornata pane e golosità da forno, in collaborazione con l’Associazione Panificatori di Milano e i ragazzi del CIOFS (Centro Italiano Opere Femminili Salesiane) di Cinisello Balsamo.
Alle 12.30, “Pranziamo insieme – i sapori di una volta”: per tutti, Cassoeula, piatto storico della tradizione milanese.
Nel pomeriggio, dalle 14.30, i bambini sono attesi al Laboratorio “Il mio presepio” dove, guidati da artigiani esperti, costruiranno il loro presepio, partendo da prelavorati che i Frati hanno costruito proprio per i piccoli ospiti. Alla fine potranno portarli a casa.
Per tutto il giorno, mentre i volontari intratterranno i più piccoli, gli adulti potranno dedicarsi agli acquisti visitando il Mercatino di Natale: presepi etnici dal mondo e tante “Occamissioni”, curiosità e mobili in arte povera per idee regalo originali.
Per i più golosi non mancheranno gli stand gastronomici di street food e la vendita di salumi, formaggi, miele e legumi di Norcia a sostegno delle aziende di Umbria e Marche in difficoltà dopo il sisma.
Il Centro Missionario propone e organizza ogni anno per i laici anche un periodo di volontariato in missione, da giugno a settembre, e chi ha già vissuto questa esperienza sarà a disposizione per raccontarla e per illustrare il prossimo cammino formativo.
I proventi della giornata saranno devoluti alle Missioni dei Cappuccini in Asia, Africa e Brasile e al progetto di ricostruzione delle regioni colpite dal terremoto in centro Italia, dove grazie alla generosità dei milanesi sono già stati realizzati progetti per un totale di 250 mila euro.

Chi sono i frati Cappuccini missionari di Milano
L’Ordine religioso dei Frati Cappuccini opera da oltre 450 anni secondo la Regola di San Francesco: “…vivere in obbedienza, in castità e senza nulla di proprio e seguire la dottrina e l’esempio del Signore nostro Gesù Cristo”.
Per questo i Frati sono al servizio in particolare dei più poveri e bisognosi, riconoscendo che in loro si incarna la figura di Cristo, e trasformano la donazione di sé completa e gratuita in un mezzo privilegiato per la diffusione della pace e dell’amore tra gli uomini. Accoglienza e laboriosa generosità sono lo stile di vita dei conventi. Quello di Piazza Cimitero Maggiore di Milano coordina l’attività di animazione missionaria della Provincia dei Frati Minori Cappuccini di Lombardia che conta attualmente un centinaio di missionari presenti in varie nazioni dei diversi continenti: Brasile, Costa d’Avorio, Camerun, Thailandia, Etiopia, Emirati Arabi, India. I Frati italiani sono circa 25 e gli altri sono originari dei Paesi di missione. Dove passano i Frati Cappuccini missionari nascono conventi, centri di formazione alla vita religiosa, parrocchie,

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi