Raccolta fondi con sms e chiamate al numero solidale 45529 per sostenere corsi di formazione per i volontari, sale gioco e ambienti a misura di famiglia per aiutare i piccoli pazienti a superare il trauma del ricovero

Alessandro Costacurta testimonial Abio

Cinquemila persone che ogni giorno nei reparti di pediatria di oltre 200 ospedali italiani aiutano i bambini e i loro genitori ad affrontare il difficile periodo del ricovero.
Sono i volontari ABIO, che da quasi 40 anni si impegnano per ridurre al minimo il potenziale rischio di trauma che ogni ricovero presenta per i piccoli pazienti, umanizzando l’ambiente ospedaliero e rendendolo a misura di bambino.

Dal 15 settembre al 9 ottobre è possibile sostenere Fondazione ABIO tramite la campagna di raccolta fondi con sms e chiamate al numero solidale 45529.
Con il ricavato Fondazione ABIO sosterrà i diversi progetti e, in particolare, i corsi di formazione per i nuovi aspiranti volontari, che hanno un fondamentale ruolo di sostegno per i piccoli pazienti e le loro famiglie.

L’impatto con un ambiente sconosciuto e per molti aspetti spaventoso, il distacco dai propri punti di riferimento e dalle abitudini quotidiane, il contatto – magari per la prima volta – con la malattia e il dolore proprio e degli altri: per tutte queste ragioni l’ingresso in ospedale per un bambino è particolarmente difficile e potenzialmente traumatico.

Opportunamente preparati sia con incontri teorici che con un periodo di tirocinio in reparto, i volontari sono quindi presenti quotidianamente in ospedale per aiutare i piccoli pazienti ad affrontare la paura, confortandoli nei momenti di difficoltà e coinvolgendoli nel gioco. L’attività ludica, rappresentando un fattore di continuità rispetto alla vita esterna, è fondamentale per aiutare i bambini: permette infatti di stimolare la loro parte sana in un ambiente che sottolinea invece la malattia, e li aiuta a esprimere sentimenti e difficoltà. Fornendo inoltre informazioni pratiche e supporto ai genitori e stando accanto ai figli quando loro non possono essere presenti, i volontari collaborano con l’ospedale affinché siano rispettati i diritti di tutta la famiglia.

Consapevole che un ambiente accogliente e vicino ai loro bisogni è importante per aiutare i piccoli pazienti ad affrontare la malattia, ABIO realizzerà inoltre negli ospedali in cui è presente nuovi spazi dedicati al gioco e stanze arredate a misura di bambino, dotandole di poltrone letto per consentire ai genitori di riposare meglio accanto ai figli durante il difficile momento del soggiorno in ospedale.

Per questa iniziativa Fondazione può contare sul sostegno di Alessandro Costacurta, volontario ABIO e testimonial della campagna di comunicazione a cui ha prestato la propria immagine.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi