Battesimo del Signore - Festa del Signore

 

La riforma liturgica conseguente al Concilio Vaticano II fissa per la domenica successiva all’Epifania la celebrazione del Battesimo di Gesù. Quando l’Epifania aveva un’ottava, l’ottavo giorno era consacrato al Battesimo di Gesù che costituisce uno dei tre miracula originariamente celebrati nel giorno della Festa della manifestazione, che è appunto l’Epifania: la manifestazione ai magi e in loro ai popoli pagani; il Battesimo che manifesta Gesù al Battista e ai peccatori che rispondono alla predicazione del Precursore; il segno di Cana che manifesta Gesù ai discepoli che credono in lui (Gv 2, 11). Carlo Magno, rimasto affascinato dal canto di certi monaci greci che celebravano il Battesimo del Signore, fece tradurre in latino i testi che aveva udito cantare.
 

Oggi si ricorda anche San Severino, abate.

Severino, nato da nobile famiglia romana verso il 410, visse per lungo tempo come eremita in Oriente. Intorno al 454, come ci fa sapere il suo discepolo e biografo, Eugippo, si stabilì sul Danubio, ai confini del Norico e della Pannonia (terra che corrisponde all’odierna Austria e a parte della Iugoslavia e dell’Ungheria) a seguito di un avviso soprannaturale. Da poco erano morti Attila (453) e il generale Ezio, e l’imperatore Valentiniano II era impotente a impedire le scorrerie dei Rugi e di altre tribù barbare, che lasciavano ovunque rovine e carestie. Nel travaglio di questo agitato periodo, Severino si adoperò per soccorrere i poveri e soprattutto i Romani che, restati in queste province, versavano nella miseria e nella desolazione.

Nel suo lavoro pastorale egli si adoperò soprattutto per risvegliare e rafforzare la fede, tanto nel clero che nel popolo. Per promuovere la vita religiosa, provvide alla fondazione di nuclei monastici, con regole di vita ben stabilite. Severino morì nel suo monastero a Favianis l’8 gennaio del 482, dopo una breve malattia, e là fu sepolto. Ma quando nel 488 i Rugi, come Severino aveva predetto, cacciarono dalle loro contrade i Romani, i monaci, con le spoglie del loro padre, scesero in Italia. Oggi le sue ossa riposano a Pizzofalcone presso Napoli, insieme al martire Sosso.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi