Pr 9,1-6; Sal 33; 1Cor 10,14-21; Gv 6,51-59 Siamo invitati al convito della Sapienza. Chi vi prende parte riceve l’intelligenza, assimila e si nutre della Parola di Dio. (Pr 9) Gesù è il pane vivo disceso dal cielo, e lo è perchè ci dà da mangiare la sua carne, che è per la vita del mondo, e ci offre da bere il suo sangue. Non stupisce la reazione dei Giudei di fronte a tali affermazioni di Gesù in sinagoga, ma lui ribadisce che la resurrezione e la vita eterna sono la comunione con lui e sono donate a chi mangia la sua carne e beve il suo sangue. Il banchetto della Sapienza di cui parla la prima lettura ci appare chiaramente come anticipazione del banchetto eucaristico. Il dono della carne e del sangue di Gesù sono già il convito celeste anticipato. Pertanto è chiaro come sia impossibile al cristiano partecipare ad altri tipi di sacrifici e di banchetti che sono idolatri. Ed è quel solo pane che fa di tutti noi, molti popoli e diversi, un unico corpo in Cristo. Preghiamo col Salmo L’angelo del Signore si accampa attorno a quelli che lo temono, e li libera. Guastate e vedete com’è buono il Signore; beato l’uomo che in lui si rifugia.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi