Martedì, Settimana della III Domenica dopo l'Epifania


LETTURA

Lettura del libro del Siracide 44, 1; 48, 15b-21

Facciamo ora l’elogio di uomini illustri, / dei padri nostri nelle loro generazioni. / Il popolo non si convertì / e non rinnegò i suoi peccati, / finché non fu deportato dal proprio paese / e disperso su tutta la terra. / Rimase soltanto un piccolissimo popolo / e un principe della casa di Davide. / Alcuni di loro fecero ciò che è gradito a Dio, / ma altri moltiplicarono i peccati. / Ezechia fortificò la sua città / e portò l’acqua nel suo interno; / con il ferro scavò un canale nella roccia / e costruì cisterne per l’acqua. / Nei suoi giorni Sennàcherib fece una spedizione / e mandò Rapsache; / alzò la sua mano contro Sion / e si vantò spavaldamente nella sua superbia. / Allora si agitarono loro i cuori e le mani, / soffrirono come le partorienti. / Invocarono il Signore misericordioso, / tendendo le loro mani verso di lui. / Il Santo li ascoltò subito dal cielo / e li liberò per mezzo di Isaia. / Egli colpì l’accampamento degli Assiri, / e il suo angelo li sterminò.

 

SALMO
Sal 77 (78)

   ®   Splendido tu sei, o Signore.

Peccarono ancora
e non ebbero fede nelle sue meraviglie.
Allora consumò in un soffio i loro giorni
e i loro anni nel terrore.
Quando li uccideva, lo cercavano
e tornavano a rivolgersi a Dio. ®

Ricordavano che Dio è la loro roccia
e Dio, l’Altissimo, il loro redentore;
lo lusingavano con la loro bocca,
ma gli mentivano con la lingua:
il loro cuore non era costante verso di lui
e non erano fedeli alla sua alleanza. ®

Ma lui, misericordioso, perdonava la colpa,
invece di distruggere.
Molte volte trattenne la sua ira
e non scatenò il suo furore;
ricordava che essi sono di carne,
un soffio che va e non ritorna. ®

 

VANGELO
Lettura del Vangelo secondo Marco 4, 26-34

In quel tempo. Il Signore Gesù diceva: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».
Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra».
Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa.

Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani.

Tema dell’anno 2018 : Potente è la tua mano, Signore (Esodo 15, 6)

VI giorno:  Badate agli interessi degli altri

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi