Come scegliere i candidati giusti in vista del voto? Associazioni ed enti cattolici “fanno rete” e sottoscrivono un documento

Da un lato l’indignazione per gli scandali che hanno coinvolto la Regione Lombardia, dall’altro l’ostinata ricerca di motivi di fiducia e del “bene comune” come valore da salvaguardare: questa la molla che ha spinto alcune associazioni ed enti cattolici che operano a Milano e in Lombardia a stilare e sottoscrivere un “documento-decalogo” a uso degli elettori, il 24 e il 25 febbraio chiamati a scegliere, attraverso il voto di preferenza, i membri del Consiglio regionale, oltre al Presidente.

I firmatari del documento sono: Acli Milano e Monza-Brianza, Azione Cattolica Ambrosiana, Centro Italiano Femminile, Città dell’uomo, Fondazione Ambrosianeum e Fondazione Lazzati.

Da un modo di fare politica attento alle opposizioni alla razionalizzazione della macchina amministrativa, dalla salvaguardia del welfare e dal sostegno ai cittadini stranieri alla tutela dell’occupazione, dal coraggio nell’affrontare i nodi cruciali rappresentati da sanità, trasporti ed equilibrio idrogeologico alla corretta gestione dell’Expo 2015, per arrivare al sostegno alla cultura e alla ricerca, il decalogo passa in rassegna le priorità programmatiche del “candidato ideale”, indispensabili per garantire una svolta concreta alla gestione della realtà regionale.

In allegato nel box in alto a sinistra il testo completo del Decalogo

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi