Per quattro martedì alle 21, sul tema “Lo spettacolo della Croce” (dal Vangelo di Luca). Per ogni serata coinvolti Zone pastorali, associazioni e movimenti

Scola Via Crucis

Martedì 18 marzo inizia la tradizionale catechesi che l’Arcivescovo di Milano condurrà lungo quattro martedì di Quaresima presiedendo la Via Crucis in Duomo a partire dalle 21. Il filo conduttore delle serate sarà “Lo spettacolo della Croce”, dal Vangelo di Luca (23,48).

Ogni serata prevede un momento musicale, il canto d’ingresso, l’introduzione, la lettura dei brani evangelici e di alcune testimonianze, l’omelia dell’Arcivescovo, invocazioni e canti meditativi. La Via Crucis in Duomo è rivolta a tutti i fedeli ambrosiani che vorranno partecipare fisicamente in Cattedrale o collegarsi attraverso i mezzi di comunicazione. Ma ogni serata vedrà la convocazione specifica di alcuni gruppi individuati secondo criteri territoriali e di appartenenza a realtà ecclesiali differenti (associazioni, gruppi e movimenti).

Martedì 18 marzo la prima Via Crucis, dal titolo “Si è caricato delle nostre sofferenze”, si soffermerà sulle prime tre Stazioni. L’invito a partecipare è rivolto in particolare ai fedeli delle Zone pastorali di Rho e Melegnano e agli appartenenti a Focolari, Acli, Rinnovamento e Alleanza Cattolica.

Martedì 25 marzo (“Portò i nostri peccati”), la meditazione riguarderà IV, V, VI e VII Stazione; l’invito è per la Zona pastorale di Milano e per Azione Cattolica, Apostolato della preghiera, Comunità di Sant’Egidio e Cellule parrocchiali per l’evangelizzazione.

Martedì 1° aprile (“Padre, perdona loro”) l’itinerario toccherà VIII, IX, X e XI Stazione: saranno coinvolte le Zone pastorali di Lecco e Varese, Comunione e liberazione, Cammino neocatecumenale, Rinascita cristiana, Cvx e Movimento giovanile salesiano.

Infine, martedì 8 aprile (“Oggi sarai nel paradiso”), per le ultime tre Stazioni, saranno chiamate a partecipare le Zone pastorali di Monza e Sesto San Giovanni, Legio Mariae, Opus Dei, Agesci, Movimento apostolico e Legionari di Cristo.

Al termine di ogni celebrazione, come gesto caritativo sarà proposta la raccolta di offerte da destinare al Fondo Famiglia Lavoro. Altri possibili destinatari sono i progetti ideati da Caritas Ambrosiana e Ufficio missionario per la Quaresima di fraternità.

«La catechesi quaresimale – spiega monsignor Paolo Sartor – si propone di “ri-fondare” il nostro Credo sul Vangelo e sulle testimonianze dei credenti che ci hanno preceduto, in attesa di poterlo accogliere ritualmente nel Sabato in traditione Symboli e di poterlo riesprimere “di fronte al mondo” nella solenne Professio fidei che il cardinale Angelo Scola ha voluto per il prossimo 8 maggio. Quell’appuntamento si concluderà sul sagrato del Duomo, con l’intento di radunare non solo la comunità cristiana, ma ogni realtà della città di Milano e del territorio, davanti allo “spettacolo” della Croce, ritmato dalla Passione secondo Luca, con al centro la reliquia del santo Chiodo e la Croce di san Carlo».

Sui media

La Via Crucis sarà trasmessa in diretta dalle 21 su Telenova, Radio Marconi, Radio Mater, www.chiesadimilano.it, twitter e facebook. Su Radio Mater, al termine della Via Crucis, un’ora di meditazione, riflessione e dialogo con gli ascoltatori. Previste anche alcune repliche: alle 22.15 di ogni martedì su Telenova2; alle 7.15 del mercoledì successivo su Telenova; alle 21 del venerdì successivo su Telenova2; alle 7.15 del sabato successivo su Telenova2. Dal mercoledì successivo on line il videointervento dell’Arcivescovo su www.angeloscola.it e su www.chiesadimilano.it

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi