A Cavaria con Premezzo (Varese) il quinquennale celebrato con l’Arcivescovo. Quattro parrocchie e oltre 10 mila abitanti. Superati i campanilismi e i laici hanno dovuto assumersi le loro responsabilità. Parla soddisfatto don Claudio Lunardi

di Cristina CONTI

Don Claudio Lunardi

Domenica 24 gennaio il cardinale Angelo Scola è a Cavaria con Premezzo (Va), in visita alla Comunità pastorale Maria Aiuto dei Cristiani. Alle 10.30, presso l’oratorio Pier Giorgio Frassati (via Amendola 229), presiede la celebrazione eucaristica nel 5° anniversario della Comunità pastorale.

«Non è una visita pastorale vera e propria (questa si terrà infatti il prossimo mese di maggio nel Decanato di Gallarate) – spiega il responsabile don Claudio Lunardi -. Si tratta invece di una celebrazione domenicale presieduta dall’Arcivescovo che viene per donarci la sua parola e incoraggiare il cammino della nostra Comunità pastorale. La sua presenza s’inserisce nel percorso di verifica che stiamo facendo all’inizio del secondo quinquennio di vita. Ed è bello poterlo fare affidandoci all’Arcivescovo, segno visibile dell’unità della nostra Chiesa, e riconoscerci sempre di più comunità missionarie chiamate a essere, come dice papa Francesco, case aperte, luoghi della misericordia gratuita dove tutti possano sentirsi accolti e amati».

Come vi siete preparati per questo momento?
Abbiamo iniziato durante il tempo di Avvento con due serate di formazione guidate dal decano monsignor Ivano Valagussa e dal Vicario episcopale di Zona monsignor Franco Agnesi. Siamo stati guidati a rileggere il volto di Chiesa che emerge dalle linee pastorali dell’Arcivescovo, in particolare a riflettere sui passi da compiere come Comunità per realizzare e vivere concretamente il pensiero di Cristo. Quest’ultima settimana è stata dedicata alla preghiera e all’adorazione eucaristica.

Come è nata la vostra Comunità pastorale? E come siete organizzati?
La nostra Comunità pastorale è formata da quattro parrocchie: Cavaria, Oggiona, Premezzo e Santo Stefano. Si estende su due Comuni, per un totale di oltre 10 mila abitanti, distribuiti in 4 mila famiglie. L’inizio di questa esperienza non è stato facile: abbiamo faticato per capire che cosa ci venisse chiesto, quale fosse la nuova prospettiva con cui guardare alle realtà parrocchiali, che ruolo dovessero assumere i laici. Le Missioni popolari sono state un momento forte, che ci ha aiutato a vedere la Comunità pastorale con gli occhi della fede: non un ambito caratterizzato da un’organizzazione più o meno efficiente, ma un cammino comune da percorrere insieme, guidati e illuminati dalla Parola, per creare una vera comunione di persone che trova la sua ragion d’essere in Gesù Cristo. Fino a pochi mesi fa, per le quattro le parrocchie, c’era un solo sacerdote, tre Sorelle della parrocchia e una suora delle Immacolate di Ivrea. Anche i laici hanno dovuto assumersi le loro responsabilità pastorali. Pensare e lavorare insieme ci rende sempre più convinti della necessità e del dono della Comunità pastorale. Insieme si progetta, si collabora nella catechesi, nella liturgia, nella pastorale familiare e, in certe occasioni, anche le celebrazioni sono comuni: come la Veglia pasquale, la Notte di Natale, la Settimana eucaristica e gli esercizi spirituali. In passato le nostre parrocchie si identificavano profondamente con il paese in cui si trovavano. Tutto ciò aveva contribuito a creare legami solidi, ma anche radicati campanilismi, in cui territori vicini si contrapponevano dando vita a fenomeni di divisione, più che di comunione. La nascita della Comunità pastorale ha contribuito invece a riavvicinare i diversi gruppi, ha permesso di costruire relazioni positive, di collaborare, ci ha aiutato insomma a sentirci Chiesa, un’unica Chiesa.

Immigrazione: quali le nazionalità più presenti? C’è integrazione?
Nelle nostre parrocchie gli immigrati sono parecchi, quasi un migliaio. La maggior parte di questi sono pakistani. La Caritas della Comunità pastorale è particolarmente attenta nei loro confronti, ma non solo, e coordina gli interventi per le famiglie bisognose. Inoltre, in accordo con la Caritas diocesana, accoglieremo nella casa parrocchiale di Santo Stefano, da anni chiusa, quattro profughi provenienti dall’Africa.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi