Nuovi Cristiani fioriscono a Natale Natale in Cina rappresenta un’ottima opportunità per evangelizzare. Molti non credenti si recano nelle chiese per curiosità o perchè invitati da amici cattolici. Nella diocesi di Jinxian il vescovo Feng Xinmao ha accolto con gioia 130 nuovi cristiani adulti, battezzati nel giorno di Natale dopo quasi un anno di preparazione. Normalmente il vescovo celebra il Natale nella cattedrale, ma il parroco di Mucus gli ha chiesto di spostarsi nella sua parrocchia, distante più di 100 chilometro, per amministrare il battesimo a 60 nuovi convertiti adulti. Nella nostra cattedrale ci sono stati 35 battesimi. Natale, dice il vescovo, è il momento migliore per attirare i non cristiani alla chiesa. Nella parrocchia di Mucus, un villaggio con 500 cattolici, la processione è stata una buona opportunità per attrarre l’attenzione dei non credenti. La gioia dei cattolici, la santa croce seguita dalla banda musicale e dai danzatori, i fuochi artificiali hanno coinvolto nella cerimonia molte persone. Dopo tanti anni di difficoltà e dopo che molti dei valori morali e tradizionali erano stati dimenticati, molte persone ritornano alla chiesa per cercare di riempire un vuoto spirituale. Il vescovo ha sottolineato che “la messe è molta e gli operai sono pochi, ma ogni cattolico è un missionario e quindi tutti dobbiamo andare a predicare la buona novella di Gesù alle popolazioni vicine che ancora non lo conoscono”. Un aiuto alle vittime dell’Aids Suor Huang Shuling della congregazione del Santo Spirito Paraclito di Handan con altre due suore della congregazione Patroness of the soul of Purgatory, suor Fang e suor Zhao, sono arrivate tre mesi fa dal centro di prevenzione Aids. Hanno iniziato a visitare più di 30 famiglie con malati di Aids. La collaborazione consiste nel fornire borse di studio a 20 bambini nelle cui famiglie ci sono malati di Aids. Persecuzione e controllo continuano Negli ultimi mesi la persecuzione e il controllo governativo specialmente nei confronti delle comunità cattoliche clandestine e di credenti di altre religioni sono stati particolarmente severi. Merita menzionare l’arresto del vescovo Wu della diocesi di Zhuozhi che era stato ordinato senza il permesso del governo e che è stato tenuto in isolamento per 5 giorni. É stato rilasciato dopo aver sottoscritto una dichiarazione dove riconosceva l’illegalità del suo lavoro pastorale e dopo aver promesso di non indossare più la mitra e le vesti vescovili. Secondo alcune fonti il vescovo è stato portato in ospedale a causa dei maltrattamenti subiti durante la segregazione. In altri incidenti due sacerdoti della diocesi di Wenzhou sono stati arrestati dopo il ritorno dall’Europa e così anche altri 9 sacerdoti della diocesi di Hebei. Per tutti non si conoscono i motivi dell’arresto. A Zhejiang sei protestanti clandestini sono stati imprigionati per aver resistito alla polizia che voleva demolire la chiesa. Il pastore protestante Zhang Zaiqing è stato condannato a due anni di prigione e una pesante multa per avere stampato la Bibbia. Tre capi religiosi protestanti sono stati arrestati per aver organizzato un’assemblea illegale. Un monaco tibetano è stato condannato a 12 anni di carcere.


Redazione

Bambini abbandonati nelle città cinesi
Xiao Yi, una bambina di una famiglia benestante di Hefei, capitale della provincia di Anhui, nell’est della Cina, sembra avere tutto ciò che una bambina della sua età può desiderare, ma lei appare autistica e ha un brutto carattere. A casa la piccola, che ha sette anni, litiga spesso coi genitori ed è perfino scappata da casa un paio di volte. “Questo è il risultato di esperienze della sua infanzia” ha detto la madre con rammarico. I genitori di Xiao Yi, nati entrambi alla fine degli anni ’70, lavorano in ufficio e sono molto impegnati nel loro lavoro. Così la bambina è stata allevata dalla bambinaia, che è diventata la persona a lei più vicina. Quando i genitori hanno cambiato la bambinaia, la bimba si è rifiutata di parlare con bambinaie nuove. All’inizio della scuola, la bambina durante i giorni feriali dormiva a casa di un’insegnante privata. “Mi sento come se fossi data in affido altrove dai miei genitori. Dopo la scuola vado dall’insegnante privata dove studio, mangio e dormo. Torno a casa solo nei fine settimana” racconta la bambina. Il rendimento scolastico è scarso, nonostante l’insegnante privata.
Si è parlato spesso dei bambini delle zone rurali che non vivono coi genitori che lavorano in città a chilometri di distanza. Molti di loro hanno problemi psicologici ed educativi e sono vulnerabili ai crimini. A differenza dei loro coetanei, i bambini di città possono vedere i loro genitori ogni giorno o ogni fine settimana, ma in entrambi i casi soffrono per la mancanza di attenzioni da parte dei genitori. [China Daily]

Lavoro minorile in Cina
Uno dei maggiori problemi sociali in Cina è il lavoro minorile. In Cina i bambini sono una gran fonte di lavoro, in alcune aree essi rappresentano il 10-20% della forza lavoro. Molte aziende preferiscono il lavoro minorile perché i bambini sono a buon mercato, obbedienti ed abbastanza agili da destreggiarsi in piccole aree di lavoro. La Legge dell’istruzione obbligatoria presente nella costituzione cinese stabilisce che tutti i bambini di età inferiore ai 16 anni devono andare a scuola ed è loro vietato di svolgere un lavoro a tempo pieno. Tuttavia poco viene fatto per impedire alle aziende industriali o commerciali gestite privatamente di noleggiare bambini. Quasi il 10% dei bambini cinesi svolge lavori a tempo pieno invece di andare a scuola.
I genitori permettono ai propri figli di lavorare perché molti cinesi ritengono che la scuola non fornisca competenze che portino a vantaggi reali immediati. Molte famiglie povere non possono affrontare le spese scolastiche ed i bambini lavorano per aiutare nel sostentamento della famiglia. Spesso il lavoro è considerato più vantaggioso della scuola.
La realtà è che molte aziende si interessano più dei propri investimenti economici che dello stato dei lavoratori. Finora non c’è stato alcun segno convincente che la situazione possa migliorare o che il problema sua diventato prioritario, quindi è necessario che vengano intraprese urgenti iniziative in questo campo. [Fen Xiang News]

Una ragazza che è una meraviglia
Nel Centro di riabilitazione Bosco di Daming c’è una ragazza di nome Li-hua. Ha 15 anni, è senza braccia, eppure è piena di gioia e di speranza. Lei non sprofonda nell’autocommiserazione a causa del suo handicap perché può fare molte cose coi i piedi, ad esempio lavarsi la faccia, pettinarsi, vestirsi, addirittura ricamare a punto croce, lavorare a maglia, realizzare borsette a uncinetto. È una meraviglia, è realmente splendida!
Come ha detto l’Apostolo San Pietro, durante la nostra vita possiamo utilizzare bene i nostri doni (mani, piedi, e i 5 sensi): “Ciascuno viva secondo la grazia ricevuta, mettendola a servizio degli altri, come buoni amministratori della multiforme grazia di Dio”. (1 Pt, 4:10).
Ricordiamo che quanto più Dio ci dà, tanto più dobbiamo servire. Ciò che Dio vuole non sono i risultati, ma gli sforzi. Quando siamo depressi o sfiduciati, ricordiamoci di Li-hua! [Jinde Charities] – Centro Cattolico di Servizio Sociale Beifang Jinde, Hebei
Jinde Charities
cresce da una organizzazione popolare
nasce nel 1997 ed è la prima organizzazione cattolica cinese non profit che si dedica al servizio dei bisognosi della società, cristiani e anche non cristiani. Nel 2006 viene finalmente riconosciuto e registrato come “Jinde Charities” presso il Dipartimento degli Affari Civili della Provincia di Hebei. Come una Ong di ispirazione religiosa, fin dalla sua creazione il centro si impegna ad un servizio basato sull’amore, soprattutto per i più piccoli e i più deboli. L’impegno è rivolto soprattutto nei seguenti aspetti di servizio sociale: – aiuto umanitario sviluppo sociale istruzione e formazione si attiva in mezzo a gravi calamità naturali
Il centro svolge le sue attività di soccorso in vari modi, attraverso: risposte immediate ed efficaci attività di soccorso orientate alle necessità e a progetti di ricostruzione servizi psicosociali cammina con la Chiesa universale
La Jinde Charities cammina anche co0n la Chiesa universale nel tendere la mano ai bisognosi in altre parti del mondo: a Taiwan dopo il terremoto del 1999, nel sud est asiatico dopo lo tsumani, del 2005, in Italia dopo il terremoto del 2009.
collabora con Fen Xiang
La collaborazione riguarda due grandi aree di servizio: le borse di studio per gli studenti poveri e le borse di studio per studenti che hanno famiglie malate di Hiv.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi