L'1 novembre, festa di tutti i Santi, nel 7° anniversario di fondazione e nel 5° anno del Centro di spiritualità monsignor Tremolada presiederà una Santa Messa alle 16.30

di Paolo MASPERI
Rettore del Santuario della famiglia

camminata del sì  mesero

Sabato 1 novembre, festa di tutti i Santi, il Santuario diocesano della famiglia di Mesero ricorda il 7° anniversario di fondazione e il 5° anno del Centro di spiritualità. Alle 16.30 monsignor Pierantonio Tremolada verrà per celebrare la Messa e ribadire la bellezza del cammino di santità per ogni coppia che in Gianna Beretta e Pietro Molla possono trovare un punto di riferimento di grande utilità. Il titolo del Santuario è dato in riferimento a Gianna Beretta Molla, che dà senso e devozione a questa grande santa nella storia della nostra Diocesi: quest’anno ricorre il 10° anniversario della sua canonizzazione.

A questo Santuario hanno fatto riferimento lo scorso anno circa 14 mila pellegrini, quasi 7.500 quest’anno. Certo non è Lourdes, Fatima o Medjugorje, ma è una piccola goccia di rugiada che offre la riflessione, storicamente semplice, che Santa Gianna ha incarnato e testimoniato immediatamente prima del Concilio Vaticano II: il cammino di santità è possibile anche alla coppia. La santità nel vissuto quotidiano per una credente, donna, sposa, madre, educatrice e medico nella professione: così fu per Santa Gianna.

Per questo carisma molte mamme, fidanzate e famiglie da poco costituite vengono in questo Santuario perché Santa Gianna ha ancora qualcosa di nuovo, di bello da comprendere e da realizzare nella vita di coppia. La devozione a lei viene da diverse parti del mondo, in modo particolare dalla Polonia, Stati Uniti, Brasile, Canada. Mi sembra doveroso allora allargare l’invito alla Diocesi di Milano e ad altre comunità qui presenti: scuole, istituti, associazioni che hanno come punti graditi di crescita l’educare alla famiglia potrebbero essere un riferimento per un pellegrinaggio a questo Santuario di Mesero.

La realizzazione di questa Chiesa ebbe inizio nel 2002 per interesse e intervento dei cardinali Martini e Tettamanzi. Proprio in questo Santuario, il 16 maggio scorso, l’arcivescovo Angelo Scola ha evidenziato il bene pastorale che questo luogo potrebbe dare anche alla nostra Diocesi: in questo anno sinodale sul tema della famiglia e in attesa del prossimo del 2015 l’attenzione e l’interesse di questo Santuario possono offrire una efficace valenza pastorale a tutte le comunità. Venendo qui a pregare «sull’esempio di Santa Gianna possono percorrere la strada che conduce al Cielo» (card. Tettamanzi).

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi