Tre appuntamenti dedicati all'inaugurazione della stagione scaligera

La Scala

Il Teatro Edi del Centro Barrio’s di Milano (via Barona – angolo Boffalora) dedica tre appuntamenti all’inaugurazione della stagione de La Scala.

Domenica 2 dicembre, alle 11, TaMTaMusica, rassegna di concerti di musica classica che gli Amici della Musica propongono per i piccoli spettatori, inaugura la sua stagione 2012/2013 con uno spettacolo che parla di una più prestigiosa inaugurazione, quella della stagione della Scala: C’era una volta l’opera. Un buffo personaggio, un italiano vissuto a lungo in Australia e appena rientrato a Milano, vorrebbe realizzare un suo vecchio sogno: assistere alla rappresentazione di un’opera alla Scala. Nel corso di vicissitudini non troppo fuori dal comune, che gli impediscono continuamente di trovare il desiderato biglietto, si imbatterà a più riprese in un duo (soprano e fisarmonica) che si esibisce per strada nel repertorio operistico cercando di racimolare qualche soldo. Il fatto strano è che i due sono giovani, hanno studiato musica e canto in qualificate accademie, ma si trovano comunque per strada… esattamente come il potenziale spettatore! Con Nicola Olivieri (attore), Francesca Papileo (soprano), Paolo Cauteruccio (fisarmonica), testo e regia di Francesco Montemurro.

Domenica 2 dicembre, alle 15, per la rassegna “Prima della Prima” (le opere proposte dalla stagione scaligera commentate da musicisti, registi, musicologi, giornalisti), Lohengrin: pronti alla prima!, l’opera che il 7 dicembre inaugurerà la stagione lirica della Scala, presentata da Walter Prati, musicista e compositore, da sempre ricercatore di nuovi timbrici fra strumenti tradizionali ed elettronici.

Infine, per chi non vuole perdersi la vera “prima”, in diretta dal Teatro alla Scala, venerdì 7 dicembre, alle 17 (apertura del Teatro alle 16.30), Lohengrin, di Richard Wagner. È la storia del cavaliere del cigno, il principe del cristianesimo che viene in soccorso della mite Elsa di Brabante, per salvarla dall’infamante accusa di fratricidio. La scomparsa di Gottfried, fratello di Elsa, è in realtà una fattura della strega Ortruda, appartenente al mondo delle oscure divinità della Germania arcaica. Lohengrin chiede Elsa in sposa, ma nell’anonimato: come custode del Santo Graal, non può far sapere chi è e da dove viene. Ma la fanciulla è troppo debole e, rosa dal dubbio, pretende di conoscere la sua identità. Lui l’accontenta, ma deve ripartire per sempre, questa volta con la barca trascinata da una colomba in volo.

Per la prima opera in cui Wagner ha intessuto una fitta rete di simbolici motivi musicali vi sarà la bacchetta di Daniel Barenboim. L’allestimento è curato dal regista Claus Guth, che tanto si è fatto ammirare la scorsa stagione nella Donna senz’ombra di Strauss

(info: info@barrios.it – tel. 02.89159255-6).

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi