rimoldi

Oggi è morto don Carlo Gaetano Rimoldi.

Nato a Cairate (Va) l’8/10/1928.

Ordinato sacerdote nel Duomo di Milano il 28/6/1953.

– Dal 1954 al 1972 Vicario parrocchiale a Bellano.

– Dal 1972 al 1997 Parroco a Porto Valtravaglia – S. Maria Assunta.

– Dal 1997 al 2011 Cappellano Rettore a Varese – Casa di riposo “Fratelli Molina”.

– Dal 2011 Residente a Cairate – Santi Ambrogio e Martino.

Lettera dell’Arcivescovo ai fedeli
della parrocchia Santi Ambrogio e Martino di Cairate

Carissimi fedeli,

partecipo al cordoglio per la morte di don Carlo Rimoldi e mi unisco a tutti voi nella preghiera di suffragio.

Sono poche le tappe del ministero di don Carlo, ma sono tanti i motivi per ringraziarlo per quanto ha donato alla nostra Chiesa ambrosiana. Il suo primo incarico lo portò a Bellano, dove visse con entusiasmo gli anni del rinnovamento conciliare. Si prodigò per dare una linea all’Oratorio Maschile e Femminile e si dedicò con impegno alla predicazione e all’insegnamento scolastico. La fatica non lo fermava: animato da spirito missionario portava la Parola del Signore nelle frazioni che allora erano prive di strade carrozzabili ed erano raggiungibili solo a piedi. Insieme a questo suo slancio pastorale che contrassegnò anche il suo incarico successivo come parroco a Porto Valtravaglia bisogna ricordare il suo gusto del bello. Realizzava con passione i presepi natalizi e raccoglieva quadri antichi, oggetti artistici e religiosi. Poi problemi di salute lo portarono alla Casa di Riposo Molina e infine a Cairate, dove era nato ed aveva iniziato il suo percorso umano e spirituale.

Ora affidiamo don Carlo all’abbraccio misericordioso del Padre e gli chiediamo di continuare a vegliare sul nostro cammino terreno.

Ricordo tutti nella preghiera, in particolare il fratello Giovanni, e con affetto vi benedico.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi