Almanacco liturgico Il Santo del giorno Il Vangelo di oggi Agenda dell'Arcivescovo
Sirio 01-03 marzo 2024
Share

Don Agostino Cesare Meroni

2 Dicembre 2014

Ieri è morto don Agostino Cesare Meroni, residente dal 2006 a Baruccana di Seveso presso la parrocchia Beata Vergine Immacolata, dove è stato parroco dal 1966 al 1990. Nato a Mariano Comense (Co) il 17 ottobre 1934 e ordinato sacerdote nel Duomo di Milano il 30 aprile 1960, è stato anche vicario parrocchiale a Misinto dal 1960 al 1965 e ad Abbiategrasso dal 1965 al 1966, poi parroco ad Agrate Brianza – S. Eusebio, dal 1990 al 2005, e qui residente con incarichi pastorali fino al 2006. 

Lettera dell’Arcivescovo ai fedeli della parrocchia
Beata Vergine Immacolata di Baruccana di Seveso

Carissimi fedeli, partecipo con viva commozione al vostro cordoglio per la morte di don Agostino Meroni e mi unisco a tutti voi nell’elevare la preghiera cristiana di suffragio. Don Agostino era rimasto affezionato alla vostra comunità e per questo motivo, dopo aver lasciato la parrocchia S. Eusebio in Agrate Brianza, nel 2006 scelse di tornare proprio a Baruccana, dove era stato parroco dal 1966 al 1990. Era passato del tempo, ma voi tutti avete serbato il ricordo della sua bontà e del suo fare paterno. Si può ben dire che abbia formato generazioni di cristiani maturi nella fede: don Agostino, infatti, si prodigava in modo particolare nella direzione spirituale di ragazzi e giovani, accompagnandoli anche nei momenti di svago passati all’Oratorio e ai campeggi, incurante dell’avanzare dell’età. Nel corso degli anni seppe poi farsi stimare dai confratelli presbiteri con un attento lavoro come decano. Questo suo slancio si fermò, purtroppo, per una malattia che non gli permise più di essere presente e attivo nella vita della comunità. Ma noi tutti siamo certi che don Agostino, con una preghiera nascosta e silenziosa, continuava ad essere vicino alla Chiesa che con passione aveva servito. Ora ringraziamo un’ultima volta don Agostino, mentre lo affidiamo all’abbraccio del Padre e alla materna intercessione di Maria Immacolata. Con affetto, invoco su tutti voi la benedizione del Signore.