L’Arcivescovo ha dato inizio all’uso delle nuove letture celebrando la liturgia vigiliare vespertina sabato 15 novembre 2008

Manca poco, ormai: la prima domenica di Avvento il cardinal Tettamanzi darà inizio all’uso del nuovo lezionario ambrosiano celebrando la liturgia vigiliare vespertina sabato 15 novembre. I primi due volumi del lezionario, festivo e feriale, saranno a disposizione dei parroci dai primi giorni di novembre. In particolare il volume festivo, relativo alle domeniche e alle feste del mistero dell’Incarnazione, verrà omaggiato dal Cardinale a tutte le parrocchie, comprese quelle di rito ambrosiano fuori diocesi (Lugano, Bergamo Novara e Lodi, in tutto un centinaio).

L’arcivescovo Tettamanzi ha anche scritto una lettera di presentazione a tutti fedeli, diffusa in 500 mila copie nelle parrocchie domenica 19 ottobre, nel giorno della dedicazione della cattedrale. In contemporanea il Cardinale celebrerà la Messa pontificale in Duomo, cui sono invitate in particolare le corali della diocesi.

Tutte queste attenzioni sottolineano quanto sia importante accompagnare tutta la Chiesa di Milano alla comprensione di questa importante novità. Sabato 25 ottobre alle 9.30, presso l’auditorium del Centro San Fedele (via Hoepli 3/b), ci sarà una giornata diocesana rivolta ai responsabili dei gruppi liturgici (in totale circa 500-600 persone). Ma l’esigenza di conoscere il nuovo lezionario è sentita da tutti: ecco perché in questi giorni numerose parrocchie hanno invitato i relatori della Congregazione del rito ambrosiano a incontri di presentazione aperti al pubblico. Il calendario è fittissimo, impossibile citarli tutti. Per fare un esempio, il teologo don Norberto Valli sarà il 7 ottobre a Saronno; l’8, il 15 e il 22 ottobre a Lecco; il 13 ottobre a Desio; il 14 ottobre a Milano, a Santa Maria alla Fontana; il 23 ottobre a Sant’Ambrogio Olona.

Monsignor Elio Burlon, parroco ai Santi Siro e Materno, la parrocchia centrale di Desio, spiega: «Tutte le parrocchie della città sentivano l’esigenza di un incontro di presentazione del nuovo lezionario. Desideriamo che i fedeli siano ben informati, perché il cambiamento sarà abbastanza radicale, non vogliamo che la novità li spiazzi. Con l’incontro del 13 ottobre ci rivolgiamo in particolare alle persone attive in parrocchia nei diversi settori, come le catechiste e i membri del consiglio pastorale. Cercheremo, in un secondo momento, di estendere la comunicazione a tutti i fedeli, per esempio attraverso una predicazione particolare nelle domeniche immediatamente precedenti».

Numerose sono anche le iniziative editoriali per fornire un sussidio, agli operatori pastorali ma non solo. La Piccola guida al nuovo lezionario ambrosiano (ed. Ancora) di monsignor Claudio Magnoli, segretario della Congregazione per il rito ambrosiano, è una presentazione che prende per mano il lettore e lo porta «dentro» il lezionario ed è rivolta soprattutto a chi opera nel campo della liturgia. Il biblista Franco Manzi ha firmato invece il primo commentario alle letture domenicali e festive dell’anno B, che sarà di aiuto alla preparazione delle omelie dei sacerdoti. La parola della festa, sempre edizioni Ancora, dedicato al tempo di Avvento per l’anno B, è il primo di 9 volumetti di commentario: seguiranno quelli dedicati a Pasqua e Pentecoste, e poi di nuovo i tre tempi liturgici per gli anni A e C. È in preparazione il Messale ambrosiano quotidiano, edizioni Centro Ambrosiano, che uscirà la prima di Avvento e comprenderà le letture nuove, le orazioni e i canti della Messa; uscirà in tre volumetti legati ai tre tempi liturgici, ciascuno con gli anni A, B e C. Infine sempre il Centro Ambrosiano ha pubblicato Leggi nel nome del Signore, una breve presentazione del nuovo lezionario.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi