Mario Delpini è il 144esimo successore di Anatalo, primo vescovo di Milano vissuto all’inizio del III secolo. Nel lungo elenco dei pastori che hanno retto la cattedra ambrosiana si possono contare 38 santi e 2 beati

La cronotassi dei vescovi è incerta per i primi secoli; la tradizione vuole che l’apostolo San Barnaba fondasse la diocesi milanese nel 52. La maggioranza degli storici ritiene invece che la testimonianza bizantina non sia affidabile e che la datazione tramandata in ambito ambrosiano sia stata ottenuta dilatando la durata dei primi episcopati; accettando la veridicità dei nomi dei primi vescovi trasmessi dalla tradizione (a partire da Anatalo) e andando a ritroso da Mirocle (di cui è certa la partecipazione ad un sinodo del 313), gli studiosi ipotizzano che la Diocesi di Milano sia stata istituita all’inizio del III secolo. In ogni caso, la presenza cristiana a Milano è attestata archeologicamente fin dall’epoca apostolica. Una lapide con l’elenco dei vescovi è presente nella navata meridionale del Duomo 

Serie cronologica dei Vescovi ambrosiani (III-X secolo)

sec. III

sec. IV

sec. V

sec. VI

sec. VII

sec. VIII

sec. IX

sec. X

– Anatalo (inizio sec. III), “protovescovo”, santo
– Caio (sec. III), santo. · Castriziano (sec. III), santo
– Calimero (sec. III), santo

– Mona (fine sec. III – inizio sec. IV), santo
– Mirocle (+ 316 ca.), santo
– Materno (316 ca.-328 ca.), santo
– Protaso (328 ca.-344 ca.), santo
– Eustorgio I (344 ca.-349 ca.), santo
– Dionigi (349 ca.-360 ca.), Vescovo “deposto” nel 355, santo
– Aussenzio (355-374), Vescovo “usurpatore”.
– Ambrogio (374-397), santo
– Simpliciano (397-400 ca.), santo

– Venerio (400 ca.-408 ca.), santo
– Marolo (408 ca.-423 ca.), santo
– Martiniano (423 ca.-435 ca.), santo. · Glicerio (435 ca.-440 ca. ), santo
– Lazzaro (440 ca.-449 ca.), santo
– Eusebio (449 ca.-462 ca. ), santo
– Geronzio (462 ca.-465 ca. ), santo
– Benigno (465 ca.-472 ca. ), santo
– Senatore (472 ca.-475 ca. ), santo
– Teodoro I (475 ca.-490 ca. ), santo
– Lorenzo I (490 ca.-511 ca. ), santo

– Eustorgio II (512 ca.-518 ca. ), santo
– Magno (518 ca.-530 ca. ), santo
– Dazio (530 ca.-552 ca. ), santo
– Vitale (552 ca.-556 ca.), santo
– Ausano (556 ca.-560 ca. ), santo
– Onorato (560 ca.-571 ca. ), santo. Nel 569 quando i Longobardi occuparono Milano, “si rifugiò a Genova”.
– Frontone (571 ca.-573 ca), “risiedette a Genova”.
– Lorenzo II (573 ca.-593), “risiedette a Genova”
– Costanzo (593-600), “risiedette a Genova”

– Deusdedit (600-628), “risiedette a Genova”
– Asterio (629-639), “risiedette a Genova”
– Forte (639-641), “risiedette a Genova”
– Giovanni Buono (641-659 ca. o anche 669 ca.), santo; “ritornò a Milano”
– Antonino (669 ca.-671), santo
– Mauricillo (vescovo per soli 4 mesi nel 671), santo
– Ampellio (672-676), santo
– Mansueto (676-685), santo
– Benedetto (685-732), santo

– Teodoro II (732-746). A partire da Teodoro II, i Vescovi di Milano vengono detti “Arcivescovi”. Non è da escludere che questo titolo possa essere stato attribuito al suo antecessore S. Benedetto
– Natale (750-751) ), santo
– Arifredo (ca. metà sec. VIII)
– Stabile (ca. metà sec. VIII)
– Leto (ca. metà sec. VIII)
– Tomaso (755-783 ca.)
– Pietro I (783 ca. 803 ca.)

– Odelperto (803 ca.-813 ca.)
– Anselmo I (813 ca.-818).
– Bono (818-822).
– Angilberto I (822-823).
– Angilberto II (824-859)
– Tadone (860-868)
– Ansperto (868-881). Durante il suo episcopato per la prima volta la Chiesa di Milano fu chiamata “Chiesa ambrosiana”
– Anselmo II (882-896)
– Landolfo I (896-899)
– Andrea [da Canziano] (899-906)

– Aicone (906-918)
– Garimberto [o Varimperto] (918/919-921)
– Lamperto (921-931)
– Ilduino (931-936)
– Arderico (936-948)
– Manasse (948-962/963)
– Adelmanno (948-953)
– Valperto (953-970)
– Arnolfo I (970-974)
– Gotifredo (974-979)
– Landolfo II (979-998)
– Arnolfo II (998-1018)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi