Cuore Immacolato di Maria Vergine

Ricorrenza devozionale mariana; promotore della festa liturgica del Cuore Immacolato di Maria fu S. Giovanni Eudes (1601-1680) che già verso il 1643, cominciò a celebrarla con i religiosi della sua congregazione. Nel 1668 le festa e i testi liturgici furono approvati dal cardinale legato per tutta la Francia, mentre Roma si rifiutò più volte di confermare la festa.

Fu solo dopo l’introduzione della festa del S. Cuore di Gesù nel 1765, che verrà concessa qua e là la facoltà di celebrare quella del Cuore di Maria, tanto che anche il Messale romano del 1814 la annovera ancora tra le feste “pro aliquibus locis”.

Papa Pio XII estese nel 1944 la festa a tutta la Chiesa, a perenne ricordo della consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria, da lui fatta nel 1942. Il culto del Cuore Immacolato di Maria ha ricevuto un forte impulso dopo le apparizioni di Fatima del 1917.

Memoria nel giorno dopo la solennità del Sacro Cuore di Gesù.

 

 

In questo giorno cade solitamente la memoria di Sant’Antonio da Padova, dottore della Chiesa.

 

Nato a Lisbona intorno al 1195, entrò dapprima tra i Canonici Regolari di sant’Agostino, dove compì gli studi teologici e nel 1220 fu ordinato sacerdote. Nel desiderio di una vita più vicina al Vangelo entrò poi nel Convento francescano di S. Antonio a Coimbra, da dove si imbarcò missionario per il Marocco. Ma a motivo di una grave malattia dovette ben presto ritornare in patria.

Partecipò al “Capitolo delle stuoie”, dove potè incontrare san Francesco. Inviato nella provincia francescana della Romagna, dopo un primo tempo trascorso nella preghiera e nel nascondimento, iniziò la sua intensa opera di predicazione, cui attese con grande frutto fino alla morte, convertendo molti, pacificando le fazioni avverse e combattendo l’eresia. San Francesco lo chiamò “suo vescovo”, per quell’amore alle Scritture che lo rese così abile nell’annunciare il Vangelo. E del Vangelo visse e predicò le esigenze radicali, impegnandosi a favore dei più poveri, nella predicazione contro l’usura e contro la prigione che allora veniva riservata ai debitori.

Per questo godette di una grande popolarità tra la povera gente. Oggi ancora è un santo molto amato; la sua celebre Basilica di Padova è meta incessante di pellegrini che invocano la sua intercessione. Antonio fu il primo nell’Ordine francescano a esercitare, con il permesso di san Francesco, il magistero teologico presso i suoi confratelli, che lo onorarono con il titolo di dottore, riconosciuto poi ufficialmente da Pio XII nel 1946, con l’appellativo di “doctor evangelicus”.

Morì a soli 36 anni e già l’anno seguente fu canonizzato dal papa Gregorio IX, che lo aveva chiamato “Arca del Testamento” per il suo metodo di esegesi, oltre che per la sua vita, francescanamente fedele al Vangelo sine glossa.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi