Beata Enrichetta AlfieriSan Silvestro, abate

 

Nella Diocesi di Milano si ricorda la beata Enrichetta Alfieri.  Conosciuta come l’«angelo di San Vittore» per il servizio svolto per tanti anni nel grande carcere milanese dove ha accompagnato i detenuti anche in frangenti molto difficili.
Maria Angela Domenica Alfieri nasce a Borgo Vercelli nel 1891; a vent’anni entra nelle Suore della Carità di santa Giovanna Antida Thouret. Dopo un primo servizio in un asilo infantile a Vercelli – e aver superato prodigiosamente una grave malattia – nel 1923 viene inviata a far parte del gruppo di suore che assistono le detenute di San Vittore. E qui diventa presto un punto di riferimento per tutti.  Muore il 23 novembre 1951.

Nel 1995, dopo l’inizio del processo di beatificazione aperto dal Card. Martini, la sua salma, viene traslata dal cimitero di Borgo Vercelli, all’Istituto delle Suore della Carità in via Caravaggio 10, a Milano.
E’ stata beatificata a Milano il 26 giugno 2011.

 

San Silvestro, abate

Silvestro, della nobile famiglia Guzzolin, nacque ad Osimo, nella Marca di Ancona, verso il 1177. Fu inviato a Bologna e a Padova a studiare diritto, che però dopo breve tempo abbandonò per dedicarsi alla teologia e alle “divine lettere”. Fece poi parte del collegio dei canonici della cattedrale di Osimo. Rimasto fortemente scosso alla vista di un sepolcro aperto, in cui giaceva un suo parente, ammirato in vita per la sua bellezza, abbandonò la città e si ritirò in una spelonca dell’Appennino marchigiano per “mutare in meglio la sua vita”.

Avendo la sua fama di santità richiamato qui gran folla di devoti, lasciò l’eremo e cercò la solitudine a Montefano, presso Fabriano. Ma anche qui venne raggiunto da molti discepoli per cui, vedendo in ciò un preciso segno di Dio, vi fondò il suo primo monastero, adottando la Regola di san Benedetto, e dando inizio alla Congregazione dei Silvestrini (1231). Morì novantenne nel 1267, lasciando dodici monasteri, diffusi nelle Marche, Umbria e Lazio, e circa 120 monaci.

Le sue spoglie furono poste in un’arca di cipresso collocata nella chiesa di Montefano. Attualmente si trovano in un’urna di ottone e cristallo sotto la mensa dell’altare maggiore della stessa chiesa. Un interessante ciclo pittorico con le “storie del Santo” si può ammirare nel monastero di Montefano: sono venti lunette, opera del pittore fabrianese Antonio Ungarini (metà del sec. XVIII), in cui sono riprodotti episodi e miracoli della vita di san Silvestro.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi