Sant'Albino, vescovo

 

Oggi la Chiesa ricorda sant’Albino, vescovo di Vercelli, che nel catalogo episcopale figura come quinto successore del celebre sant’Eusebio, primo vescovo della Chiesa vercellese. Si sa che fu amico di sant’Ambrogio e fu consacrato vescovo verso il 452, mentre il generale Ezio sconfiggeva i Goti e gli Unni che, attraversando la città, l’avevano devastata.

Albino restaurò la basilica teodosiana, edificata per iniziativa dell’imperatore Teodosio il Grande, dedicandola a sant’Eusebio, di cui ivi si veneravano le reliquie. Questa dedicazione fu celebrata con grandissima solennità, tanto da essere a lungo ricordata.

Non si conoscono altre notizie sulla vita di sant’Albino, di cui s’ignora anche la data precisa della morte; si sa però che il suo culto è antichissimo.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi