Santa Martina

 
Di santa Martina, nobile giovane romana, martirizzata nella persecuzione di Alessandro Severo, nonostante fosse stata a lei dedicata nel medioevo una chiesa di Roma, si era quasi persa la memoria.
Fu il papa Urbano VIII che, imbattendosi, tra le rovine di un’antica chiesa, nelle reliquie di santa Martina, ne ricercò la storia e volle riproporre la giovinetta come esempio di santità. Egli stesso compose un inno in suo onore, nel quale si accenna alla vita della fanciulla, figlia di un console romano, rimasta orfana ed erede di un ricco patrimonio, ed è tessuto l’elogio della santa nella sua esemplare carità, nella purezza della sua vita, nel coraggio nella confessione della fede. È poi narrato il suo martirio e la sua morte per decapitazione.
Urbano VIII, che stava lavorando alla definitiva sistemazione del calendario della Chiesa, istituì il giorno festivo di santa Martina il 30 gennaio e inserì nel Breviario Romano in questo giorno le preghiere a lei dedicate. Il 30 gennaio 1948, muore il Mahatma Gandhi, il profeta della non violenza e dell’amore universale, ucciso, mentre si stava recando alla preghiera della sera, da un giovane indù con tre colpi di pistola. Prima di cadere a terra ferito a morte, invocò il nome di Dio perché perdonasse il suo uccisore.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi