San Romano, abate di Condat

s.-romano

Fonte attendibile per conoscere la biografia e la fisionomia di san Romano è la Vita Patrum Jurensium, scritta da un monaco di Condat, intorno all’anno 520. All’inizio del V secolo troviamo il monaco Romano presso l’abbazia di Ainay, vicino a Lione, dove apprende, alla scuola dell’abate Sabinus, le tradizioni monastiche ereditate dall’Oriente e dalla Provenza. Attratto dall’ideale della vita eremitica, lascia, con il permesso dell’abate, il monastero e s’inoltra nelle selvagge montagne del Giura, dove rimane per qualche anno ignorato, in solitudine. Quando il fratello Lupicino ne scoprì il romitaggio, si aggregò a lui, attirando dietro di sé altri compagni, e sempre più numerosi.
La sua fama pervenne fino al vescovo Ilario di Arles, che nel 444, in occasione del concilio di Besançon, conferì a Romano l’ordinazione presbiterale. Per accogliere i nuovi compagni Romano, coadiuvato dal fratello Lupicino, eresse un monastero a Condat e poi un secondo a Leuconne. Quando li raggiunse anche una loro sorella, eressero un terzo monastero, poco lontano, in località detta Le Beaume. In questi monasteri si ebbe la novità di una specie di diarchia: Romano governava con la sua bontà, e il fratello Lupicino lo aiutava con la sua fermezza e il suo rigore.
Si attribuiscono a Romano anche guarigioni miracolose: la più celebre quella di due lebbrosi, ai quali rese la salute abbracciandoli, sull’esempio di san Martino.
Romano morì nella pace di Cristo verso il 465, a Le Beaume, dove si era recato per portare l’estremo saluto alla sorella, rimettendo nelle mani del fratello la cura dei tre monasteri del Giura.

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi