Vigilia del Natale del Signore

Cristo

O Emmanuele,
nostro re e legislatore,
speranza delle genti,
e loro Salvatore:
vieni e salvaci,
Signore, nostro Dio.

È l’ultima antifona della novena di Natale. Siamo ormai alla vigilia della festa, e la Chiesa ci fa invocare il Signore come l’Emmanuele, il Dio-con-noi, nome in cui si esprime tutta la storia dell’amore di Dio per l’umanità. L’Eterno, l’Infinito, si è rinchiuso nel nostro tempo, ha cercato la nostra compagnia, tutto ha voluto condividere con l’uomo, fino alla morte, eccetto il peccato.
Il nostro Dio è venuto a noi come un amico, un fratello, in tutto solidale alla nostra condizione umana: una prossimità voluta fin dalla creazione dell’uomo e dall’uomo liberamente interrotta con il peccato, ma ristabilita con il sangue della croce dell’Unigenito, il Figlio amatissimo. Dio-con-noi nella vita, nella preghiera, nella sofferenza, nella morte: veramente “Il Signore è con noi, nostro rifugio è il Dio di Giacobbe” (Sal 46,8). Il nome di “Emmanuele”, che il profeta ci consegna invitandoci a non temere, l’evangelista Matteo lo pone a sigillo del suo vangelo: “Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo” (28,20): una prossimità che non verrà mai meno.
È la promessa affidabile dell’Emmanuele, il nostro Legislatore e nostro Re, il Salvatore del mondo. In questa invocazione, l’ultima delle grandi antifone della novena natalizia, è condensata tutta l’attesa del tempo di avvento, tutta la preghiera della Chiesa che invoca il ritorno glorioso del Redentore.

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi