Beata Maria Vergine del Rosario

b.-vergine-del-rosario

La corona del rosario, come serie di grani infilati a collana per contare le preghiere – che troviamo anche presso i musulmani e gli indiani – sembra molto antica. Ma l’uso di ripetere e contare le Ave Maria risale al XII secolo. Una raccolta di miracoli di Nostra Signora – un Rosarius – verso il 1328 attribuiva a san Domenico la salvezza del mondo grazie alla sua predicazione della preghiera dell’Ave Maria ripetuta e meditata. Ma in realtà il propagatore del “salterio di Nostra Signora”, come si preferiva chiamare il rosario, è stato, nel 1475, il domenicano B. Alano de la Roche. La memoria della Beata Vergine del Rosario deriva da una festa – Santa Maria della Vittoria – istituita da san Pio V dopo la vittoria riportata a Lepanto sulla flotta turca il 7 ottobre del 1571.
Tale memoria, ad opera di Gregorio XIII, entrò nella liturgia della diocesi di Roma, oltre che nel culto delle Confraternite del Santo Rosario, sotto il titolo di Santissimo Rosario della Beata Vergine Maria . Ma solo nel 1716 fu iscritta nel Calendario Romano in ringraziamento della vittoria riportata contro i turchi a Peterwardein (Austria) dal principe Eugenio nel 1683, con la liberazione di Cipro. In tempi più vicini a noi, nel 1960, il mutamento del titolo da festa del santo Rosario a festa della Beata Vergine del Rosario la ricentra sulla venerazione della Vergine nella memoria dei misteri che ha vissuto in comunione con il Figlio – i misteri proposti nel rosario – nei quali si contempla il mistero totale di Cristo, la sorgente della nostra salvezza. Maria – dice san Bernardo – è l’Acquedotto che ci riporta alla Sorgente.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi